Chiesa nel Mondo

Esortazione della Conferenza Episcopale del Venezuela: dubbi sulla legittimità nuovo mandato Maduro 09-01-2019

Il 2019, ha osservato mons. Azuaje, si apre in un clima di “grande incertezza nella vita personale, istituzionale e comunitaria di un popolo”. Il riferimento – riferisce l’Agenzia Sir – è alle ultime vicende politiche del Paese: all’Assemblea nazionale legittimamente eletta (e contraria al nuovo mandato di Nicolas Maduro) è stato tolto il potere legislativo per assegnarlo ad un’Assemblea costituente.

Il governo Maduro non ha portato nessun cambiamento nell’economia

Il 10 gennaio prossimo, Maduro giurerà per assumere il suo secondo mandato di presidente, dopo aver vinto le elezioni anticipate del 20 maggio scorso, boicottate dall’opposizione. “Tanti i dubbi su questo giuramento, è legittimo, è illegittimo?”, si è chiesto mons. Azuaje: “La storia, al momento opportuno”, darà “il suo verdetto. Ciò che è certo è che nel Paese si sta vivendo una crisi sproporzionata in tutti gli ambiti, però sfortunatamente coloro che hanno guidato il governo durante questi ultimi anni, producendo un deterioramento umano e sociale nella popolazione e nella ricchezza della nazione, continuano sulla stessa strada, senza cambiamenti significativi nell’economia e per il miglioramento delle condizioni di vita dei venezuelani”. “Proseguire nello stesso modo – ha sottolineato – significa portare il popolo sull’orlo del precipizio”.

Il presidente dei vescovi elenca tutti i grandi problemi del Venezuela

“Il tasso altissimo di povertà, l’aumento delle persone malate che non possono essere curate da istituzioni sanitarie collassate, maggiore minaccia e repressione, una violenza incontrollabile con oltre 20.000 persone assassinate durante il 2018, l’iperinflazione e la distruzione del settore produttivo, la corruzione aperta e brutale, la più grande emigrazione della storia venezuelana, centinaia di detenuti politici, civili e militari che reclamano giustizia, le violazioni dei diritti umani che hanno avuto il suo apice nell’assassinio del giovane indigeno Pemon Charly Peñaloza di 21 anni e la repressione delle comunità indigene e dei leader comunitari”. “Cambiare completamente queste politiche “, ha ribadito, “è un proposito ineludibile, urgente. È la sfida per l’anno che inizia”. (Agenzia Sir)

 

 

Exhortación del Episcopado Venezolano: “lo que hicieron a uno de estos hermanos míos más pequeños, a mí me lo hicieron” (Mt 25,40)

 

  1. Los Arzobispos y Obispos de Venezuela, con ocasión de la 111ª Asamblea Ordinaria, conscientes de nuestra responsabilidad espiritual y moral como ciudadanos y pastores, nos dirigimos al pueblo de Venezuela, al que pertenecemos y del cual somos servidores. Recibimos el año 2019, con la confianza puesta en Dios, como una buena oportunidad para el cambio que el país pide a gritos: la recuperación del Estado de Derecho según la Constitución y la reconstrucción de la sociedad venezolana, en dignidad, libertad y justicia para todos.  Queremos alentar la verdadera esperanza del pueblo, sustentada en el misterio de la Navidad que celebra que el Hijo de Dios se hace humano y pobre para hacernos más humanos y solidarios.
  2.  Como pastores, tenemos la obligación de preguntarnos por el sentido ético de la gravísima situación que estamos viviendo. Nuestras apreciaciones nacen de una valoración moral sobre la dignidad humana violentada, el bien común irrespetado y la verdad manipulada. San Oscar Arnulfo Romero, profeta y mártir de América, dijo: “si hay un conflicto entre el gobierno y la Iglesia, no es porque la Iglesia sea opositora sino porque el conflicto ya está establecido entre el gobierno y el pueblo, y la Iglesia defiende al pueblo” (Homilía del 21-10-1979). Todo poder humano es transitorio y se legitima si en su ejercicio produce un bienestar colectivo con especial atención a los pobres y excluidos, logrando así una sana convivencia en la pluralidad y la diferencia. El pueblo venezolano vive una situación dramática y de extrema gravedad por el deterioro del respeto a sus derechos y de su calidad de vida, sumido en una creciente pobreza y sin tener a quien acudir. Es un pecado que clama al cielo querer mantener a toda costa el poder y pretender prolongar el fracaso e ineficiencia de estas últimas décadas: ¡es moralmente inaceptable! Dios no quiere que por el sometimiento a injusticias sufra el pueblo. Urge, por tanto, asumir el clamor popular de un cambio, de una concertación para una transición esperada y buscada por la inmensa mayoría.
  3. Como señalamos en nuestra Exhortación del 11 de julio de 2018, “reiteramos que la convocatoria del 20 de mayo (para elegir el Presidente de la República) fue ilegítima, como lo es la Asamblea Nacional Constituyente impuesta por el poder ejecutivo. Vivimos un régimen de facto, sin respeto a las garantías previstas en la Constitución y en los más altos principios de dignidad del pueblo” (No temas, yo estoy contigo, n. 6). Por tanto, la pretensión de iniciar un nuevo período presidencial el 10 de enero de 2019 es ilegítima por su origen, y abre una puerta al desconocimiento del Gobierno porque carece de sustento democrático en la justicia y en el derecho.4.- En esta crisis política, social y económica, la Asamblea Nacional, electa con el voto libre y democrático de los venezolanos, actualmente es el único órgano del poder público con legitimidad para ejercer soberanamente sus competencias. En efecto hace tres años (1-12-2016) el Secretario de Estado del Vaticano, Cardenal Pietro Parolin, pidió que se restituyera cuanto antes a la Asamblea Nacional el rol previsto en la Constitución. El voto de confianza que el pueblo venezolano le ha conferido debe ser retribuido con el cumplimiento de los deberes de los diputados, diseñando y redactando las leyes que necesita el país para el restablecimiento de la democracia y la vuelta a la decencia y honestidad en la administración de los fondos públicos. El Papa Francisco en el Mensaje para la Jornada Mundial de la Paz de este año nos interpela: “la función y la responsabilidad política constituyen un desafío permanente para todos los que reciben el mandato de servir a su país, de proteger a cuantos viven en él y de trabajar a fin de crear las condiciones para un futuro digno y justo. La política, si se lleva a cabo en el respeto fundamental de la vida, la libertad y la dignidad de las personas, puede convertirse verdaderamente en una forma eminente de la caridad” (1-1-2019).
  4. Los venezolanos no podemos ser simples espectadores de lo que sucede en el país, pues somos ciudadanos y, como tales, actores de primer orden. La defensa de la libertad ha costado mucha sangre y muchos sufrimientos, para ver de lejos lo que la mayoría rechaza: políticas de hambre, persecución política, represión militar y policial, presos políticos, torturas, corrupción, ineficiencia e ineficacia en la gestión pública. Como ciudadanos y como instituciones nos toca asumir las responsabilidades que nos competen para mejorar la actual situación y recuperar el país con sus valores y potencialidades. Esto exige la articulación de todos los sectores sociales, promoviendo la creatividad y proactividad de muchas personas en la búsqueda de soluciones.
  5. Como dijo el Papa Francisco, es necesario buscar juntos caminos de “concordia” y entendimiento, de unión del pueblo venezolano, de respuestas a los múltiples problemas y de defensa de los derechos humanos que nos permitan superar la crisis y atender a los más pobres. ¿A quién bendice nuestro Dios en la actual situación dramática de Venezuela? La respuesta que nos da Jesús es clara, profunda y desafiante: “Vengan benditos de mi Padre… porque tuve hambre y me dieron de comer; tuve sed, y me dieron de beber; era emigrante y me recibieron; estaba desnudo, y me vistieron; enfermo, y me visitaron; en la cárcel y me vinieron a ver” (Mt 25,34-36). Es una pregunta acuciante para todas las personas de buena voluntad, cuya respuesta debe llevarnos a una acción eficaz.
  6.  Somos conscientes que cuanto se haga por los más pequeños es a Cristo a quien se le hace, y por ello como Iglesia nos comprometemos en las diócesis y en las parroquias, en primer lugar, a seguir ayudando a la supervivencia, tanto de los más débiles y desprotegidos dentro del país como a los que han emigrado buscando trabajo y mejores condiciones de vida, así como refugio y asilo. En segundo lugar, a continuar trabajando en la defensa y promoción de los derechos humanos, en particular de los que carecen de todo, de los amenazados de muerte, de los perseguidos y privados de libertad. En tercer lugar, con mayor ahínco, nos proponemos seguir desarrollando programas de formación y organización que permitan la recuperación de la institucionalidad democrática y la reconstrucción del país de una forma pacífica. Todo esto enmarcado en el proceso de evangelización que promueve los valores de verdad, autenticidad, justicia, solidaridad, paz, reconciliación y fraternidad.
  7. Tenemos muchas razones para agradecer a personas e instituciones. Al Santo Padre Francisco por su constante cercanía y preocupación por nuestra patria. El 7 de enero de 2019, el Discurso a los miembros del Cuerpo Diplomático acreditado ante la Santa Sede, expresó: “Deseo para la amada Venezuela que se encuentren vías institucionales y pacíficas para solucionar la crisis política, social y económica, vías que consientan asistir sobre todo a los que han sido afectados por las tensiones de estos años y ofrecer a todo el pueblo venezolano un horizonte de esperanza y de paz”. Igualmente, agradecemos a las Iglesias y Gobiernos de diversos países su solidaridad y su atención a los compatriotas que, producto de la crisis, han tenido que dejar el país en búsqueda de mejores condiciones de vida. Apreciamos el trabajo pastoral y de solidaridad que desarrollan día a día los sacerdotes, diáconos, religiosas y laicos, así como las muchas iniciativas que en este campo se están llevando adelante desde Cáritas a nivel nacional, diocesano y parroquial, desde la comisión de Justicia y Paz y las vicarías de Derechos Humanos, de otras organizaciones y asociaciones. Invitamos a articular iniciativas y proyectos en favor del pueblo a los hermanos de otras iglesias y de otras religiones, a las instituciones públicas y privadas, a los empresarios, profesionales, trabajadores y obreros, para trabajar por la paz y por un mejor país.
  8.  Como creyentes cultivemos la oración personal y comunitaria. Con María, proclamemos que la misericordia de Dios llega a sus fieles de generación en generación, “porque el Señor hace proezas con su brazo, dispersa a los soberbios de corazón y derriba del trono a los poderosos y enaltece a los humildes” (Lc 1,51-52). Aprendamos de María, nuestra Madre, que Tú, Señor Jesús, eres el alfa y la omega, el principio y fin de nuestra existencia, nuestro pan para el largo camino, nuestra alegría completa, nuestra paz duradera. Amén.

Con nuestra bendición,

 

Los Arzobispos y Obispos de Venezuela

CENTÉSIMO UNDÉCIMA

ASAMBLEA PLENARIA ORDINARIA

DEL EPISCOPADO VENEZOLANO

Caracas, 9 de enero de 2019

Comunicato della Diocesi di Tijuana, Messico. Bisogna guardare con benevolenza i migranti. 09-11-2018

“Dobbiamo aiutare il popolo a guardare con benevolenza tutti coloro che attraversano il nostro territorio. Non bisogna alimentare xenofobia e disprezzo per il migrante; anche se molti mostrano il loro affetto, rispetto e sostegno per i migranti, c’è una minoranza che si oppone a loro. Spero che il popolo messicano continui ad essere un popolo che dà la mano a tutti i migranti, perché il Messico è anche un popolo migrante: gran parte della nostra popolazione ha dovuto emigrare negli Stati Uniti. Dobbiamo sempre avere questa verità sotto i nostri occhi. Nessuno può negare ad un altro il diritto di muoversi, cercando condizioni di vita migliori. Siamo tutti migranti ed è per questo che dobbiamo anche guardare con occhi buoni e sostenere coloro che sono nel bisogno ora”: lo dichiara, in una nota pervenuta all’Agenzia Fides, Mons. Rogelio Cabrera, Arcivescovo di Monterrey e nuovo presidente della Conferenza Episcopale Messicana (CEM), a pochi giorni dalla chiusura dell’Assemblea Plenaria dei Vescovi del Messico, in cui si è trattato anche il tema dei migranti che continuano ad attraversare il paese.
Nella città di Tijuana sono arrivati migliaia di migranti e le autorità non riescono a gestire il flusso di persone. Non ci sono fisicamente posti dove accoglierli. Anche ieri c’è stata un’altra manifestazione a Tijuana dei residenti che urlavano slogan: “Sono invasori, sono armati: via dal paese!”.
A Tijuana la gente ormai dorme per strada, mente si fa fatica a stimare il numero dei migranti arrivati. Si prevede che altre 4 mila persone arriveranno questa settimana da Mexicali, cittadina vicina. Il sindaco di Tijuana ha richiesto l’aiuto federale per contenere la situazione. “Non siamo anti-migranti, ma chiediamo di rispettare la legge e l’ordine” ha detto. (CE) (Agenzia Fides, 20/11/2018)

 

Visualizza Documento in lingua originale

La Conferenza Episcopale del Congo denuncia di mezzo milione di cittadini espulsi dall’Angola. 31.10.2018

(Agenzia Fides) – “Al 27 ottobre Caritas Congo ha contato 508.505 persone giunte in territorio congolese senza che il movimento sia in procinto di fermarsi” afferma un comunicato della Conferenza Episcopale Nazione Congolese (CENCO) sull’espulsione di massa di cittadini della Repubblica Democratica del Congo dalla vicina Angola.
“Molte delle persone espulse hanno dichiarato di essere fatte oggetto di brutalità e di gravi violazioni dei diritti umani da parte delle forze dell’ordine angolane” denunciano i Vescovi nel loro comunicato, pervenuto all’Agenzia Fides. Ai primi di ottobre, le autorità di Luanda hanno emesso un ordine di espulsione nei confronti dei migranti congolesi impiegati nel settore minerario informale, nel nordest dell’Angola.
Una volta rientrate nella RDC, le persone espulse si trovano prive di assistenza. “Migliaia di bambini, donne, anziani, malati, invalidi, donne e uomini sani, sono scaricati indistintamente come volgare mercanzia sul suolo congolese, giorno dopo giorno, in zone di forte precarietà, dove le capacità d’accoglienza sono del tutto insufficienti a permette loro di recuperare un minimo di dignità” denuncia la Conferenza Episcopale congolese.
“Non sapendo né come lasciare la zona di frontiera né dove andare, la maggior parte delle persone vaga nei villaggi situati lungo il confine, dove sono accolte da persone di buona volontà. Migliaia sono ospitate nei locali di chiese, scuole e di qualche edificio pubblico. In mancanza di spazio sufficiente, altre sono accampate in rifugi di fortuna dove passano la notte sotto le stelle”.
La zona dove si registra il più grande numero di persone espulse dall’Angola è la provincia del Kasai, “che- scrivono i Vescovi- porta ancora le ferite della crisi del fenomeno ‘Kamuina Nsapu’ (vedi Fides 1/4/2017) che ha sconvolto l’area circa un anno fa. Nella sola località di Kamako vi sono 206.680 persone, un numero che supera di gran lunga quello degli abitanti di questo piccolo villaggio”.
“L’espulsione di massa dei congolesi avviene due mesi prima delle elezioni generali nella RDC e rischia di interrompere il normale corso di questo importante evento tanto atteso dal popolo congolese” sottolineano i Vescovi, che si dicono inoltre “preoccupati per la pace tra la RDC e l’Angola, che condividono più di 2.000 chilometri di frontiera con molti gruppi etnici a cavallo tra i due Paesi”.
I Vescovi chiedono al governo di Kinshasa di avviare con urgenza dei programmi di reinserimento sociale ed economico delle persone espulse, e all’Unione Africana e alla SADC (Comunità Economica dell’Africa del sud alla quale aderiscono Angola e RDC) di invitare al dialogo i governi di Luanda e Kinshasa “perché trovino insieme una soluzione alla questione dei congolesi che sono in una situazione irregolare in Angola”.

 

Leggi il Documento in lingua francese

Appello della Conferenza Episcopale Argentina: “Distinguiamo: sesso, genere e ideologia” 26 Ottobre 2018

“Distinguiamo: sesso, genere e ideologia”: l’appello dei vescovi dell’Argentina in vista di possibili modifiche alla legge in vigore sull’educazione integrale, contrarie alla visione cristiana del mondo e che potrebbero limitare l’esercizio delle libertà dei genitori e delle istituzioni educative.

 

Leggi il Documento in lingua spagnola

Appello dei vescovi della Chiesa cattolica: “Un contributo cruciale alla giustizia climatica” Ottobre 2018

Un appello ai leader di tutto il mondo, in vista della Cop24 sul clima che si terrà in Polonia a dicembre, perché intervengano per contrastare gli effetti devastanti del riscaldamento globale, è’ stato firmato il 26 ottobre a Roma dai presidenti delle Conferenze episcopali regionali di Europa, Asia, Africa, America Latina ed Oceania.  Nel Documento i vescovi della Chiesa cattolica invitano i governi a intraprendere azioni ambiziose e immediate per affrontare e superare gli effetti devastanti della crisi climatica.

L’appello si basa sui principi dell’urgenza, della giustizia intergenerazionale, della dignità e dei diritti umani. È basato su alcuni punti centrali: mantenere il riscaldamento globale al di sotto di 1,5°C; passare a stili di vita sostenibili; rispettare la conoscenza delle comunità indigene; implementare un cambiamento paradigmatico delle finanze in linea con gli accordi globali sul clima; trasformare il settore energetico ponendo fine all’era dei combustibili fossili e passando alle energie rinnovabili; ripensare il settore agricolo per garantire che fornisca cibo sano e accessibile a tutti, con particolare attenzione alla promozione dell’agroecologia.

Attraverso questa dichiarazione, i vescovi ribadiscono anche il proprio impegno a compiere passi coraggiosi verso la sostenibilità, un contributo cruciale alla giustizia climatica. La dichiarazione è sostenuta dalle reti cattoliche CIDSE, Caritas Internationalis e dal Movimento Cattolico Mondiale per il Clima.

 

Consulta il Documento in lingua inglese

Messaggio della Conferenza episcopale cattolica di Cuba sul Progetto di una nuova Costituzione. 24 Ottobre 2018

In una lunga e articolata Lettera pastorale appena pubblicata, la Conferenza Episcopale di Cuba si è espressa sul progetto della nuova Costituzione del paese che, alla fine del processo di revisione, sarà sottoposta a referendum popolare. La bozza della nuova Costituzione, che dovrebbe sostituire quella del 1976, è stata approvata dal Parlamento nel luglio scorso, ed è attualmente oggetto di esame e di dibattito attraverso incontri della popolazione nelle sedi di lavoro, nei centri di studio e nei quartieri, fino a novembre.
Dopo una premessa in cui si sottolinea l’importanza del Documento principale per un paese, come è la Costituzione, i Vescovi sottolineano nella Lettera i temi che essa deve tenere in considerazione in quanto reggono la società cubana: la dignità dell’uomo e della donna, il rispetto dei diritti umani, la famiglia, l’economia e il servizio al bene comune.

 

Consultare il Documento in lingua spagnola

“La verità ci renderà liberi”. Comunicato della Conferenza episcopale del Nicaragua (CEN) 14.07.2018

La Conferenza episcopale del Nicaragua (CEN) ha denunciato «la mancanza di volontà politica del governo di dialogare» e di cercare processi reali che portino il paese verso una democrazia reale.

In un comunicato diffuso sabato 14 luglio, i presuli hanno ricordato di aver accettato in aprile «di essere mediatori e testimoni del dialogo nazionale», mettendosi a disposizione del popolo nicaraguense e della comunità internazionale. Dialogo convocato dallo stesso presidente Daniel Ortega dopo le proteste a livello nazionale contro la riforma sulla sicurezza sociale, in seguito abrogata. Fatto che tra l’altro non ha fermato le manifestazioni nelle quali si è continuato a chiedere, tra le altre cose, il cambio di governo.

«È nostro dovere informare la nazione che durante questi mesi abbiamo assistito alla mancanza di volontà politica del governo di dialogare sinceramente e cercare processi reali che ci portino a una vera democrazia», hanno denunciato i vescovi.

Nella loro dichiarazione, hanno affermato che il regime ha rifiutato di «affrontare le questioni centrali dell’agenda per la democratizzazione» e di smantellare i gruppi armati filo-governativi, come richiesto dalla Commissione interamericana per i diritti umani.

Essi hanno inoltre denunciato la repressione della polizia e dei gruppi paramilitari alleati al governo, i cui attacchi «sono legalmente e moralmente riprovevoli» e mirano a «terrorizzare le persone che manifestano pacificamente». Finora la violenza ha lasciato più di 350 morti.

I vescovi hanno anche condannato gli attacchi contro giornalisti, difensori dei diritti umani e membri della società civile.

Nel suo comunicato, la CEN ha ricordato al governo il suo dovere di proteggere la vita di tutti i nicaraguensi. Ha anche chiesto alle persone di buona volontà «di non rispondere con violenza alle varie provocazioni ». «Il male ha forza quando lo permettiamo», ha dichiarato l’Episcopato.

 

Visualizza il Documento

“Se vogliamo la pace, difendiamo la vita”. Comunicato della Conferenza episcopale di Colombia contro l’eutanasia. – 01 Marzo 2018

I Vescovi della Colombia, a fronte dell’aberrante progetto di risoluzione rilasciato dal Ministero della Salute e la protezione sociale, che prevede una “procedura  per l’attuazione del diritto a morire con dignità di bambini, bambine e adolescenti”, hanno divulgato una Dichiarazione dal titolo: “Se vogliamo la pace, difendiamo la vita”, nella quale chiedono al Governo di riconsiderare queste decisioni che minacciano la vita e al contempo invitano i genitori a difendere la vita dei propri figli.

“La sentenza sull’eutanasia e la sua regolamentazione stanno minando le fondamenta della società e la strada verso la vera pace”, si legge nella dichiarazione, “ed evidenzia un indebolimento spirituale e morale della nostra società circa il rispetto della dignità della persona malata.”

Con i progressi nel campo della medicina, il dolore è curabile “e il malato può ricevere sollievo e conforto con una comoda assistenza umana e spirituale”.

I presuli invitano le istituzioni e le associazioni cattoliche così come tutti i fedeli della Chiesa, ad esprimersi categoricamente contro l’eutanasia e in favore della vita, della quale l’unico che può disporre è solo Dio.

 

 

Visualizza il documento

Visualizza il video