Varie

China’s Catholics and the Church’s Moral Witness. By Michael R. Pompeo

The human rights situation in China has deteriorated severely under the autocratic rule of Xi Jinping, especially for religious believers. Credible reports have exposed the Chinese Communist Party’s program of forced sterilizations and abortions of Muslims in Xinjiang, its abuse of Catholic priests and laypeople, and its assault on Protestant house churches—all of which are parts of a “Sinicization” campaign to subordinate God to the Party while promoting Xi himself as an ultramundane deity. Now more than ever, the Chinese people need the Vatican’s moral witness and authority in support of China’s religious believers.

Vatican diplomats are meeting this month with their CCP counterparts to negotiate the renewal of a two-year-old provisional agreement between the Holy See and China. The terms of that pact have never been publicly disclosed; but the Church’s hope was that it would improve the condition of Catholics in China by reaching agreement with the Chinese regime on the appointment of bishops, the traditional stewards of the faith in local communities.

Two years on, it’s clear that the Sino-Vatican agreement has not shielded Catholics from the Party’s depredations, to say nothing of the Party’s horrific treatment of Christians, Tibetan Buddhists, Falun Gong devotees, and other religious believers. The State Department’s 2019 annual report on religious freedom provides an illustrative example in the story of Father Paul Zhang Guangjun, who was beaten and “disappeared” for refusing to join the CCP-run Patriotic Catholic Association. Sadly, his experience is not unique. Communist authorities continue to shutter churches, spy on and harass the faithful, and insist that the Party is the ultimate authority in religious affairs.

As part of the 2018 agreement, the Vatican legitimized Chinese priests and bishops whose loyalties remain unclear, confusing Chinese Catholics who had always trusted the Church. Many refuse to worship in state-sanctioned places of worship, for fear that by revealing themselves as faithful Catholics they will suffer the same abuses that they witness other believers suffer at the hands of the Chinese authorities’ increasingly aggressive atheism.

In Hong Kong, the local government’s recent imposition of a Beijing-mandated National Security Law raises the specter that the Party will use the same tactics of intimidation and the full apparatus of state repression against religious believers. Hong Kong’s most prominent voices for human dignity and human rights have often been Catholics, so it is no surprise that prominent Catholics like Martin Lee, the “father of democracy” in Hong Kong, and Jimmy Lai, an outspoken media baron and promoter of democracy, have been arrested, spied on, and harassed for the simple “crime” of advocating the basic freedoms Beijing promised to protect in exchange for regaining sovereignty over Hong Kong in 1997. I know both men and can attest to their goodness and sincerity of heart. Their devotion to God, to all God’s children, and to a peaceful, free, and prosperous China is undeniable.

Many nations have joined the United States in expressing revulsion at the Chinese regime’s accelerating violations of human rights, including religious freedom. Last year, 22 nations sent a letter to the U.N. Human Rights Council to denounce the CCP’s detention of more than a million Uyghur Muslims, ethnic Kazakhs, and other minorities in so-called “re-education” camps in Xinjiang. The Inter-Parliamentary Alliance on China, which includes legislators from democracies around the world, has deplored the Party’s “unfolding atrocities.” The State Department has been a strong voice for religious freedom in China and around the world and has taken steps to hold those who abuse the faithful responsible for their actions. We will continue to do so.

The Holy See has a unique capacity and duty to focus the world’s attention on human rights violations, especially those perpetrated by totalitarian regimes like Beijing’s. In the late twentieth century, the Church’s power of moral witness helped inspire those who liberated central and eastern Europe from communism, and those who challenged autocratic and authoritarian regimes in Latin America and East Asia.

That same power of moral witness should be deployed today with respect to the Chinese Communist Party. The Second Vatican Council and Popes John Paul II, Benedict XVI, and Francis have taught that religious freedom is the first of civil rights. Solidarity is one of the four foundational principles of Catholic social doctrine. What the Church teaches the world about religious freedom and solidarity should now be forcefully and persistently conveyed by the Vatican in the face of the Chinese Communist Party’s relentless efforts to bend all religious communities to the will of the Party and its totalitarian program.

Pope Francis said in 2013 that “Christians must respond to evil with good, taking the Cross upon themselves as Jesus did.” History teaches us that totalitarian regimes can only survive in darkness and silence, their crimes and brutality unnoticed and unremarked. If the Chinese Communist Party manages to bring the Catholic Church and other religious communities to heel, regimes that disdain human rights will be emboldened, and the cost of resisting tyranny will rise for all brave religious believers who honor God above the autocrat of the day. I pray that, in dealing with the Chinese Communist Party, the Holy See and all who believe in the divine spark enlightening every human life will heed Jesus’s words in the Gospel of John, “The truth will set you free.”

Michael R. Pompeo is U.S. Secretary of State.

 

www.firstthings.com

Danilo Castellano. Pillola Ru 486: alcune questioni biogiuridiche a margine di una polemica

1. Premettiamo che non ci interessa in questa sede entrare nel merito di una polemica partitica. Non ci interessa nemmeno rilevare le molte contraddizioni che la animano. Dall’una e dall’altra parte, infatti, si è fatto ricorso ad argomentazioni non sempre sostanziali, talvolta pretestuose. Quello che ci interessa, invece, è il problema che essa pone sul piano etico e su quello autenticamente giuridico (non, quindi, sul piano esclusivamente legale).

2. Facciamo riferimento alla polemica sollevata da due decisioni (apparentemente) contrapposte relative alle modalità secondo le quali «usare» la pillola abortiva Ru 486, alla quale ricorre attualmente circa il 16% delle donne che praticano l’aborto procurato.

La polemica è stata sollevata soprattutto da due deliberazioni assunte recentemente dalla Giunta regionale dell’Umbria. Dapprima dalla deliberazione della Giunta regionale dell’Umbria guidata da Catuscia Marini (definita «di sinistra»); poi dalla deliberazione della stessa Giunta guidata da Donatella Tesei (definita «di destra»).

Trattasi, come si è detto, di due deliberazioni sotto taluni aspetti contrapposte, le quali, però, intendono dare applicazione alla medesima norma: quella che consente dal 10 dicembre 2009 l’aborto chimico entro i primi 49 giorni di gravidanza, portati recentemente (2020) a 63 dalle nuove Linee guida stabilite dal Consiglio Superiore di Sanità.

La Giunta Marini (2010-2019) deliberò di consentire la somministrazione della pillola abortiva Ru 486 in regime di day hospital, stabilendo un ricovero obbligatorio non inferiore a tre ore. Contro questa decisione insorsero alcuni consiglieri regionali umbri, definiti «di destra», i quali osservarono che, potendo il processo abortivo durare 32/48 ore, la deliberazione prescriveva tempi di ricovero inadeguati all’intervento.

Successivamente la Giunta Tesei (inizio mandato 11 novembre 2019), ribaltando, rectius modificando, il quadro normativo della Giunta Marini, stabilì che per la somministrazione della pillola abortiva Ru 486 era necessario il ricovero ospedaliero obbligatorio e che questo doveva avere durata di almeno tre giorni.

Contro questa decisione, conforme allora alla normativa nazionale e rispettosa delle condizioni stabilite dall’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) per l’autorizzazione dell’uso del mifepristone (il principio attivo che provoca la cessazione della vitalità dell’embrione), sono insorti i consiglieri regionali umbri, definiti «di sinistra». Essi hanno osservato che la deliberazione della Giunta Tesei (ripetiamo: conforme allora alla normativa nazionale, spesso però «aggirata» con il ricorso alle dimissioni volontarie «contrarie al parere dei medici») induce al ricorso all’aborto clandestino e limita i diritti della donna in gravidanza.

Hanno aggiunto – i consiglieri regionali umbri, definiti «di sinistra» – che è opportuno, in circostanze di pandemia causata dal coronavirus, «minimizzare» il tempo da trascorrere in ospedale e che, perciò, il ricovero ospedaliero obbligatorio di (almeno) tre giorni per l’assunzione della pillola abortiva Ru 486 era da ritenersi contrario ai criteri di cautela imposti in (contingenti) circostanze di pandemia.

3. È superfluo osservare che i criteri di cautela non sono di per sé argomenti per una decisione che investa questioni etiche o giuridiche. Sono certamente da valutare in presenza di particolari circostanze e, possibilmente, da rispettare.

Per esempio, nel caso della somministrazione della pillola abortiva Ru 486 questi criteri possono indurre al rinvio della somministrazione della medesima. Tanto che, in occasione dell’emergenza della pandemia da coronavirus, si è osservato (polemicamente) da più parti che gli aborti procurati erano diminuiti. Segno che molte donne in gravidanza non erano ricorse (o erano state consigliate a non ricorrere) al ricovero ospedaliero (nemmeno a quello «minimo») per la pratica dell’aborto procurato.

4. Le questioni, sia etiche sia giuridiche, sono altre e richiedono altri argomenti. Esse investono una pluralità di problemi. Qui verranno presi in considerazione solamente alcuni.

a) Innanzitutto osserviamo che come (ipocritamente) stabilisce anche l’art. 1 della Legge n. 194/1978, la tutela della vita umana fin dal suo inizio è un dovere dello Stato. La tutela della salute, poi, è in molti casi compito dello Stato.

Tanto che la tutela della salute della gestante è stata invocata come prima ratio per la pratica dell’aborto procurato dalla stessa Legge n.194/1978. Sotto un certo profilo aveva anticipato (e suggerito) il riconoscimento della medesima ratio – sia pure per il solo aborto terapeutico di donna consenziente – una Sentenza della Corte costituzionale italiana nel 1975 (cfr. Sentenza n. 27/1975), la quale riconosce il diritto alla soppressione della vita del nascituro sulla base di una (discutibilissima) definizione di persona (ideologicamente assunta): essa, infatti, dice che il nascituro persona non è, mentre la madre sarebbe persona «in atto» e il diritto alla salute della madre sarebbe, pertanto, prioritario rispetto al diritto alla vita del nascituro che ancora persona non è: la Costituzione, infatti, – si dice (erroneamente) – tutela i diritti della persona, non dell’essere umano.

La Costituzione, comunque, sembrerebbe – usiamo il condizionale, perché la «cosa» non è pacifica – tagliare la testa al toro. Essa, infatti, all’art. 32 dichiara di tutelare la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività. La salute, quindi, è un diritto dell’individuo tutelato dallo Stato. Non è un diritto del quale l’individuo possa disporre a piacimento sia perché «tutelato» sia perché rilevante per la collettività.

La prima domanda che ci si deve porre, perciò, in via generale riguarda la tutela della salute della persona umana. Se la sua tutela è un dovere della Repubblica, può essa essere lasciata assolutamente in balia di decisioni esclusivamente soggettive? In altre parole, se la tutela della salute è un dovere dello Stato, può diventare esercizio di un’opzione sia pure sulla base di un (definito) consenso informato?

Il problema riguarda anche la somministrazione della pillola abortiva Ru 486, soprattutto se si considerano i suoi possibili effetti collaterali e le sue possibili conseguenze. E ciò, non con riferimento alla vita e alla salute del nascituro, ma con riferimento alla salute della gestante. Fra gli effetti collaterali della pillola Ru 486, infatti, vanno considerati almeno i seguenti: emorragie, infezioni, aborti incompleti, problemi psicologici.

Fra le possibili conseguenze non si devono dimenticare la possibile sterilizzazione, il possibile parto prematuro in caso di gravidanze successive, sanguinamento uterino durante la prima fase della gravidanza successiva, placenta previa alla gravidanza successiva che potrebbe causare emorragie interne, nascita sottopeso del bambino alla gravidanza successiva.

Il problema, quindi, riguarda innanzitutto la «tutela» della salute della gestante. Riguarda, infatti, in via preliminare la sua integrità fisica: la possibile sterilizzazione, per esempio, rappresenterebbe una sua mutilazione. Questa sarebbe «antigiuridica» sotto almeno due profili: uno «negativo», vietato da norme positive (art. 5 CC e DPR n. 211/2003) e, quindi, anche legalmente; l’altro «positivo», poiché verrebbe meno il diritto alla maternità (anche e soprattutto se «cosciente e responsabile» come recita persino la Legge n. 194/1978) come possibile conseguenza della somministrazione della pillola abortiva Ru 486.

C’è un secondo profilo riguardante la tutela della salute. La tutela della salute, infatti, non può essere un diritto proprio solamente della gestante. Essa è un diritto anche del nascituro e persino del nascituro possibile. Per quanto riguarda il nascituro va osservato, infatti, che ad esso viene negato con la pratica dell’aborto chimico il diritto alla vita: la pillola abortiva Ru 486 colpisce direttamente e intenzionalmente «il» suo diritto fondamentale ed indispensabile per poter parlare di diritto alla tutela della sua salute.

Per quanto riguarda la tutela della salute del nascituro possibile si deve osservare che la somministrazione della pillola abortiva Ru 486 «incide» sul suo naturale sviluppo pre-natale. Tanto che è possibile – lo si è ricordato – che esso nasca sottopeso. E se anche questo non avesse conseguenze ulteriori, il fatto stesso di nascere sottopeso a causa della assunzione della pillola abortiva Ru 486 al fine di procurare un aborto chimico precedente, rappresenta di per sé una sua lesione. È da considerare legittima sotto questo profilo la pratica dell’aborto chimico tramite pillola Ru 486?

b) Quanto osservato sub a) rileva essenzialmente all’«interno» del regime legale permissivo dell’aborto procurato.

La prima questione, però, sulla quale sarebbe necessario portare l’attenzione, sarebbe quella relativa alla liceità morale e giuridica dell’aborto procurato sia che esso trovi «regolamentazione» sia che esso sia assolutamente libero e praticabile ad nutum fino al momento della nascita. Si tratta sempre della soppressione della vita umana sulla quale nessun essere umano può rivendicare diritti, tanto meno se si tratta di un innocente. Trattasi di una vexata quaestio sulla quale in questa sede non apriamo nemmeno il discorso, anche se essa è premessa di tutte le considerazioni che si possono fare sulla questione.

c) Intendiamo, piuttosto, portare l’attenzione su un problema – a nostro avviso molto interessante – evidenziato dalla polemica partitica.

Osserviamo preliminarmente che né la Giunta Marini né la Giunta Tesei hanno inteso realizzare – e di fatto non hanno operato – una rivoluzione. La Giunta Marini si è mossa secondo la ratio dell’autodeterminazione possibile; la Giunta Tesei si è mossa secondo la ratio adottata dalla normativa nazionale, cioè secondo il rispetto letterale del principio di legalità.

In altre parole la Giunta Marini ha portato avanti lo sviluppo dell’assunzione dell’ordinamento repubblicano secondo la quale il cosiddetto principio di autodeterminazione della persona è uno dei due cardini dell’ordinamento costituzionale della Repubblica italiana (cfr., per esempio, Sentenze n. 203/1989 e n. 334/1996 della Corte costituzionale).

La Giunta Tesei, da parte sua, ha semplicemente «applicato» le prescrizioni normative dello Stato. Si è, quindi, attenuta – come appena osservato – al cosiddetto principio di legalità, senza né valutare né discutere la prescrizione. Tanto che la Presidente Tesei di fronte alle novazioni normative preannunciate (agosto 2020) dal Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha dichiarato di essere pronta ad adeguarvisi.

Sotto questo profilo le due Giunte – almeno di fatto – si sono mosse e hanno deliberato nel rispetto della normativa positiva vigente pur apparendo le due deliberazioni contrarie. Perché allora sono sorte le polemiche? Certamente per ragioni pretestuose. Le polemiche pretestuose, però, hanno posto sul tavolo questioni serie alle quali è bene accennare sia pure telegraficamente.

I consiglieri regionali umbri, definiti «di destra» (in particolare Maria Rosi e Alfredo De Sio), si sono appellati alla durata del cosiddetto «processo di morte» per dimostrare l’assurdità della deliberazione della Giunta Marini. Essi, cioè, hanno invocato un «dato» che la deliberazione della Giunta Marini avrebbe dovuto tener presente regolamentando modi e tempi per la somministrazione della pillola abortiva Ru 486.

Non sono entrati nel merito della legittimità etica e giuridica del fatto. Hanno rilevato – e ciò è particolarmente significativo – che è il fatto regola per la norma, non la norma regola del fatto. Hanno riconosciuto, così, che la norma positiva di per sé non può porsi come autoreferenziale per legittimare la propria prescrizione. Alla norma positiva, infatti, necessita un fondamento che non può essere rappresentato da una deliberazione semplicemente conforme alla volontà umana. La fattispecie, infatti, non è costitutiva del fatto anche se questo generalmente assume rilievo giuridico positivo in virtù della fattispecie.

I consiglieri regionali umbri, definiti «di sinistra», opponendosi alla deliberazione della Giunta Tesei, hanno invocato innanzitutto rischi e pericoli (possibile ricorso all’aborto clandestino e necessaria «minimizzazione» del tempo da passare in ospedale per evitare contagi da SARS-COV 2), i quali – come abbiamo osservato sopra – non sono argomenti per una deliberazione come quella che regolamenta la somministrazione della pillola Ru 486.

L’argomento da loro invocato, invece, riguarda la «limitazione» dei diritti della donna, la quale, dovendo seguire una procedura prescritta per norma per assumere la pillola Ru 486, si vede certamente privata della possibilità dell’esercizio dell’autodeterminazione assoluta. Ciò vale non solo per la somministrazione della pillola Ru 486. Riguarda, per esempio, l’iter da seguire per il divorzio, per l’aborto procurato e non chimico, e via dicendo.

L’ordinamento giuridico in sé, infatti, è causa di limitazione dell’esercizio dell’autodeterminazione soggettiva assoluta, la quale si basa su una definizione di libertà impraticabile. Se ne era reso conto lucidamente, per esempio, Rousseau che pure tentò ostinatamente di trovare una formula per renderla di fatto possibile.

Ci sarebbe da registrare, poi, a proposito delle tesi dei consiglieri regionali umbri, definiti «di sinistra», che i diritti soggettivi non coincidono con le pretese delle volontà individuali. È, questo, un tema vasto e delicato, di scottante attualità, sul quale molto si è scritto e molto si discute.

Alle argomentazioni portate dai consiglieri regionali umbri, definiti «di sinistra», si è opposto l’avv. Simone Pillon, commissario della Lega a Perugia. Egli, a sostegno della deliberazione della Giunta Tesei, ha osservato che prendersi cura di una donna con una gravidanza difficile non vuol dire limitare i suoi diritti ma sostenerla e aiutarla in un momento drammatico della sua esistenza.  Sembra di capire che l’avv. Pillon circoscriva la pratica dell’aborto chimico alle «gravidanze difficili». Da quanto riportato dalla stampa non è dato di capire che cosa significhi «gravidanza difficile».

Noi siamo propensi a pensare che il 16% delle donne che scelgono la somministrazione della pillola Ru 486, non pratichi l’aborto per difficoltà alla gravidanza. Per la maggioranza di esse, infatti, la gravidanza è di per sé una difficoltà.

Anche, però, tralasciando questa osservazione non secondaria, va «preso atto» che anche l’avv. Pillon non mette in discussione la scelta di fondo del legislatore a favore dell’aborto procurato. Almeno così sembra leggendo le dichiarazioni rilasciate e riferite dalla stampa.

C’è di più. L’avv. Pillon non ipotizza nemmeno la possibilità di un ancoraggio alla normativa costituzionale (discutibile, come si è detto) e alla normativa ordinaria vigente che, pur contraddicendosi, non consentirebbe – nonostante il parere contrario della Corte costituzionale – di applicare nel caso dell’aborto procurato il cosiddetto principio di assoluta autodeterminazione.

Da parte sua la Giunta Tesei non ha tentato di costruire la deliberazione oggetto di polemiche sulla base di una costruzione teorica della normativa ordinamentale. Essa ha ritenuto sufficiente l’applicazione di una specifica norma nazionale (atteggiamento ribadito dopo l’«annuncio Speranza»). La deliberazione della Giunta Tesei, dunque, sembra accogliere passivamente l’ideologia dominante in materia di aborto procurato.

Comunque sia, dalla polemica emerge una necessità: la norma positiva ha sempre bisogno sia per essere legittimamente posta, sia per essere correttamente interpretata, sia per essere coerentemente applicata di un principio che la trascenda, rectius di un principio che le è trascendentale, essendo in essa e sovrapposto ad essa.

La legalità ha bisogno della legittimità come dimostra anche la discussione intorno a due deliberazioni delle Giunte regionali dell’Umbria – quella Marini e quella Tesei –, le quali, invece, hanno ritenuto e ritengono di trovare la ragione della norma nel puro positivismo giuridico. Hanno ritenuto e ritengono, in altre parole, che la giustificazione della deliberazione vada cercata nella deliberazione stessa: se si elimina, però, la necessità dell’argomentazione e della legittimazione ogni deliberazione e ogni norma diventano atti di puro potere brutale.

5. Le nuove Linee guida del Ministro Speranza consentono, ora, l’assunzione della pillola abortiva Ru 486 sia in consultorio sia in ambulatorio. Non è più necessario, pertanto, nemmeno il ricovero minimo di tre ore in day hospital stabilito dalla Giunta Marini. La gestante che assume la pillola abortiva Ru 486 può lasciare, infatti, il consultorio o l’ambulatorio dopo mezz’ora. L’avv. Pillon ha dichiarato che la nuova normativa mette a rischio la salute delle donne e che questa è stata voluta dal Ministro Speranza per ragioni ideologiche.

La nuova normativa non elimina i problemi cui si è accennato. Anzi, dimostra ancora una volta che la «scienza» pretende di costruire la realtà (Consiglio Superiore di Sanità) e che essa si pone (come spesso accade) al servizio del potere politico che ignora e scavalca sia l’etica sia la giuridicità.

Danilo Castellano
www.filodiritto.com

UE, le manovre di abortisti e Lgbt contro la libertà religiosa

Porta la firma di 48 europarlamentari dell’EPF (tre italiani) la lettera del 14 settembre, indirizzata al commissario Schinas e pubblicata in esclusiva dalla Nuova Bussola, che mostra il lavorio costante contro la conferma di Jan Figel come Inviato speciale e contro lo stesso ufficio per la libertà religiosa. Per i firmatari tale libertà è un ostacolo per l’aborto e i diritti Lgbt, e la sua tutela dovrebbe essere a questi subordinata, facendola rientrare tra i compiti del Rappresentante speciale per i diritti umani. Una posizione che coincide con quella espressa da Bruxelles il 4 giugno e che mina la credibilità dell’Ue.
– LA LETTERA INTEGRALE

 

Sono abortisti e pro-Lgbt a bloccare la nomina del nuovo Inviato speciale per la libertà religiosa nel mondo e a porre il veto sul bravo Jan Figel che ha svolto l’incarico sino allo scorso anno. Il documento in esclusiva che pubblichiamo, una lettera del 14 settembre, getta nuove ombre tetre sulla complice ostilità verso la libertà religiosa che alberga in Europa e sulla violenza anticristiana degli abortisti europei. Le colpe di Figel? Aver promosso la libertà religiosa, anziché aborto e “diritti” Lgbt. Siamo alla follia pura.

A giugno abbiamo registrato la sconcertante presa di posizione della Commissione europea (vedi qui), che, in risposta a un appello del 30 aprile di centinaia di organizzazioni religiose e leader di tutto il mondo e di tutte le religioni, rispondeva laconicamente che si era “presa la decisione di non procedere alla nomina dell’Inviato speciale” per la libertà religiosa nel mondo, ma che quella della libertà religiosa continuava ad essere “una priorità”. Un mese dopo, l’8 luglio, il vicepresidente della Commissione, Margaritis Schinas, commissario alla Promozione dello stile di vita europeo, annunciava su Twitter che la Commissione aveva deciso di “rinnovare la funzione di inviato speciale per la promozione della libertà di religione o di credo al di fuori dell’UE (…) l’imminente nomina dimostra la nostra determinazione (…)” (vedi qui).

Da quel momento è calato un silenzio torbido che abbiamo denunciato lo scorso 22 agosto, quando abbiamo raccontato delle tante iniziative dei “cattivi” Paesi orientali e del permanente atteggiamento di Bruxelles (vedi qui).

La lettera dei 48 parlamentari abortisti dell’EPF (European Parliamentary Forum, organizzazione legata a doppio filo con la multinazionale dell’aborto IPPF) ‘racconta’ le ragioni del ritardo e svela le trame di questi mesi. Nella lettera al vicepresidente Schinas, i 48 parlamentari europei si dicono “preoccupati per il rinnovo del mandato di un Inviato speciale per la libertà religiosa”. Sebbene si dichiarino d’accordo sull’importanza della libertà religiosa dentro e fuori dall’Europa, ritengono che essa rientri nei compiti del Rappresentante speciale europeo per i diritti umani.

Questa posizione coincide con quella espressa dalla Commissione il 4 giugno. I parlamentari abortisti lamentano anche una procedura opaca nella valutazione della Commissione sul rinnovo del mandato e passano all’attacco: La libertà di religione è stata troppo spesso utilizzata da alcuni per minare e ostacolare i diritti fondamentali degli altri, in particolare il diritto all’uguaglianza e alla non discriminazione delle donne e delle persone Lgbt (…). Siamo ancora più preoccupati per la sua decisione di rinnovare questo mandato perché, in passato, l’inviato speciale precedentemente nominato Jan Figel ne ha minato la credibilità mostrando rapporti altamente problematici con organizzazioni che si oppongono ai diritti sessuali delle donne e ai diritti delle persone Lgbti (come CitizenGo e ADF International)”.

Prosegue la lettera: “Vi esortiamo a nominare come Inviato speciale per la libertà religiosa un candidato che possa dimostrare una solida esperienza nella promozione di tutti i diritti fondamentali e i valori europei.  (…) non possiamo accettare che un inviato speciale che parla a nome dell’UE mostri sostegno pubblico alle organizzazioni che si battono attivamente contro l’uguaglianza di genere e il diritto alla non discriminazione sulla base dell’orientamento sessuale”.

Inoltre, nel caso la Commissione passasse alla nomina, i parlamentari chiedono “chiarezza e trasparenza nel mandato dell’Inviato speciale dell’UE sulla libertà religiosa; nella definizione dei suoi compiti, nel processo di nomina dell’Inviato speciale e per gli obblighi di rendicontazione (…). Vogliamo vedere rapporti pubblici regolari sulle sue future missioni. Questi rapporti dovrebbero includere una lista esaustiva dei suoi collegamenti con gli interlocutori, nonché il contesto del paese e qualsiasi raccomandazione fatta o azioni conseguenti intraprese”.

Le minacce sono chiare: non rinnovate l’ufficio per la libertà religiosa, tantomeno Figel. Ma se lo fate, il nuovo inviato speciale deve promuovere aborto, contraccezione e diritti Lgbti e comunque deve essere ‘pedinato’ in ogni istante della sua vita e attività. Seguono le firme dei parlamentari. Di questi, 31 sono del gruppo Verdi/Sinistra, 10 Socialisti, 5 Liberali, un Cristiano-Democratico proveniente dalla Danimarca e una parlamentare dei Cinque Stelle; gli italiani sono Brando Benifei (Socialista), Sandro Gozi (Liberale, eletto in Francia) e Rosa D’Amato (Cinque Stelle). Dieci dei firmatari sono tra i rieletti al Parlamento europeo ed erano già stati inseriti dalla fondazione Open Society di George Soros nella lista (vedi qui) degli  “affidabili e disponibili a sostenerne le ragioni” pubblicata la scorsa legislatura. La guerra di Socialisti, Verdi, Liberali e Soros contro il cristianesimo e la religione si conferma.

Tre brevi riflessioni. La data della lettera e il suo contenuto ci svelano un lavorio costante – vedi consonanza di alcuni argomenti con quelli della Commissione di giugno – che in questi mesi si è svolto tra gli abortisti e una parte della Commissione per boicottare la nomina sulla libertà religiosa. Lo scopo di questa banda è arrivare a marzo 2021, nominare un nuovo Inviato speciale per i diritti umani che promuoverà innanzitutto aborto, gender e un’artefatta “libertà religiosa” che li sostenga.

Seconda riflessione. Il fatto che l’EPF, promotore dell’iniziativa, sia sostenuto da Soros e da diverse delle fondazioni a lui legate, oltreché da IPPF (che a sua volta ha ricevuto più di un milione di dollari dalla famiglia del noto filantropo negli ultimi anni); e il fatto che molti dei firmatari siano considerati affidabili sostenitori di Soros, non spalanca un enorme buco nero sulla trasparenza europea?

Terza riflessione. La credibilità europea può essere recuperata solo se verrà respinta al mittente la minaccia intentata con questa lettera e si procederà, senza indugio, alla nomina proprio di Jan Figel come Inviato speciale per la libertà religiosa.

Luca Volontè

www.lanuovabq.it

Risposta di alcuni studiosi per la vita alla Nota della Pontificia Accademia per la Vita sulla interruzione volontaria della gravidanza

Risposta di alcuni studiosi per la vita alla Nota della Pontificia Accademia per la Vita sulle “Linee Guida” per l’interruzione volontaria della gravidanza con Mifepristone eProstaglandina, emanate dal Ministero della Salute italiano il 12 agosto 2020.

 

Con non poca sorpresa e delusione abbiamo letto la Nota della Pontificia Accademia per laVita del 14 agosto 2020. Questa dichiarazione commenta criticamente le nuove direttive delMinistero della Salute italiano relative alla somministrazione di abortivi chimici in un dayhospital, nel contesto della cosiddetta “pandemia” di COVID-19. Nonostante l’intenzionecritica sia certamente da condividere, pure ci sono diversi motivi per cui coloro chepossiedono retti criteri morali dovrebbero essere rattristati e seriamente insoddisfatti diquesto documento.

La Santa Sede è sempre stata la Sede della Verità. L’Accademia per la Vita è stata fondatada Papa San Giovanni Paolo II attraverso quell’uomo straordinario che è stato (ed è tuttora)il defunto Dr. Jerome Lejeune. Fin dal suo inizio essa è stata un baluardo della vita e unfaro per le persone di buona volontà, perplesse in mezzo alla cultura della morte e tutte lesue confusioni. Per questo motivo troviamo insoddisfacenti i seguenti aspetti delladichiarazione della PAV:

1. La nota PAV inizia facendo riferimento ad alcune buone intenzioni espresse nella Legge194 del 22 maggio 1978, che, come dice la PAV, riguarda “una delle questioni piùdolorosamente laceranti della bioetica”, quella dell’aborto. Dopo aver affermato cheattualmente la Legge 194 è la legislazione “con cui tutti dobbiamo misurarci”, la PAVricorda che, mentre ha legalizzato “l’interruzione volontaria della gravidanza” in Italia,questa legge “riconosce il valore sociale della maternità e tutela la vita umana dal suoinizio” e potrebbe quindi essere considerata, almeno in quella parte in cui si impegna a daredavvero alla donna tutto il sostegno possibile per prevenire l’aborto, come una legge“intorno alla quale poteva e potrebbe ancora essere cercata e alimentata un’idea di civiltàcondivisa” tra pro e anti-abortisti. La PAV sottolinea inoltre che l’articolo 2 della legge,parlando del ruolo dei consulenti familiari [governativi], affida loro un ruolo ben più ampiodi quello di meramente fornire informazioni che conducano a una scelta di cui lo Stato silimiterebbe a prendere atto e di cui sorveglia l’attuazione “sicura ed efficace”. Secondo lalegge, è dovere dei consultori familiari aiutare a “superare le cause che potrebbero indurrela donna all’interruzione della gravidanza”, e anche le informazioni che essi forniscono suidiritti e sui servizi devono avere questo scopo.

Sebbene questi riferimenti alle clausole attenuanti della Legge 194, insieme alla denunciadella PAV secondo cui spesso vengono ignorate o aggirate, siano buoni di per sé, pure essisono decisamente insufficienti in un documento proveniente da una Pontificia Accademiafondata da Papa San Giovanni Paolo II per portare avanti fedelmente la forte testimonianzadel suo magistero in favore della vita.

Il fatto che la Legge 194 sia “la normativa in vigore in Italia con cui tutti dobbiamomisurarci”, non esonera la PAV, nella discussione delle nuove linee guida del Ministero della Salute, dal dovere di riaffermare opportunamente il giudizio fondamentale dellaChiesa sulla stessa Legge 194, ovvero la sua ferma e inequivocabile condanna. In fin deiconti, questa è la legge che ha legalizzato l’aborto in Italia – un fatto gravissimo, su cui laPAV ora sorvola in una breve frase concessiva, con parole eufemistiche che paionoinsinuare solo un lieve rammarico. Dice infatti la Nota: “Pur consentendo [la legge 194]l’interruzione volontaria della gravidanza a determinate condizioni, …”. Ma il fatto è chequesta legge ha rimosso gli ostacoli per l’uccisione di innumerevoli nascituri innocenti.Quindi, anche supponendo che questo statuto iniquo sia il “quadro” legale all’interno delquale “tutti dobbiamo misurarci” nella presente discussione, pure essa non è la misura concui siamo tutti misurati, e, quindi, non può fornire in alcun modo la base di quella che laPAV chiama “un’idea di civiltà condivisa”. C’è infatti una Misura divina che misuraveramente tutti noi. Ed è una Misura che non solo condanna tutti i crimini consentiti daquesta legge ingiusta, ma esclude anche una critica così blanda e ossequiosa quale è quellaora fornita dalla Pontificia Accademia. La Nota, in effetti, lungi dal criticare la legge 194,non fa che richiamarsi ad essa e al suo pieno rispetto. Dice testualmente: “il richiamo alla194 e al pieno rispetto di quanto in essa previsto può aiutare a chiarire il senso e i possibilirischi di quanto è avvenuto” [con le nuove linee guida].

2. Per quanto riguarda i maggiori rischi per la salute delle donne implicati dalle direttive delMinistero della Salute, la PAV si mostra ad essi meno sensibile di una cattolica che, comeha riportato il quotidiano della Conferenza episcopale italiana, L’Avvenire (secondo ABCNews), ha denunciato aspramente la nuova direttiva secondo cui d’ora in poi le donne chedesiderano un aborto chimico, dopo aver ricevuto in regime ambulatoriale mifepristone eprostaglandina, torneranno a casa per sperimentare la successiva espulsione del feto e tutti isuoi effetti collaterali. Questa norma, lamentava la scrittrice, priverà le donne delle “curepsicologiche e mediche necessarie” e “farà vivere alle donne una procedura difficile epericolosa in solitudine”. Invece la nota PAV è relativamente compiacente: dopo averosservato che questa norma “supera il vincolo di ricovero ospedaliero”, che peraltro, sidice, “è facilmente aggirabile e sostanzialmente già superato in molti casi” comunque, laNota sottolinea che il Ministero della Salute consentirà ancora alle donne che soffrono didolore o complicazioni di venire a ricevere assistenza presso i presidi sanitari allestiti a talescopo.

3. La nota PAV riconosce quindi che potrebbero esserci alcuni svantaggi per le donne neldover sperimentare a casa l’espulsione del feto e i suoi effetti collaterali; ma tace del tuttosulla minaccia notevolmente accresciuta per la vita umana non ancora nata, implicata inun’altra nuova direttiva del Ministero della Salute strettamente correlata, vale a dire quellache estende il periodo in cui il farmaco può essere utilizzato dalla 7a alla 9a settimana digravidanza.

La critica della PAV a questa estensione è indebitamente limitata e incompleta. Dice infatti:“L’intervento può quindi svolgersi in una fase più avanzata della gravidanza, quandoincertezza e rischio possono rivelarsi maggiori”.

Ora, i “rischi e l’incertezza” non saranno chiaramente né maggiori né minori per ilnascituro. Perché se lui/lei viene abortito all’età di 7 settimane o 9 settimane, la morte èsempre e comunque il risultato certo! Quindi è chiaro che i rischi e le incertezze a cui si fariferimento sono esclusivamente quelli che riguardano la madre. In altre parole, la PAV, nelvalutare questo prolungamento del tempo durante il quale gli abortivi possono esserelegalmente utilizzati, esprime preoccupazione unicamente per l’aumento dei rischi per lasalute della madre, mentre non accenna nemmeno a condannare, e neppure a menzionare, ilconseguente grande aumento del numero di innocenti non nati che verranno uccisi in basealla nuova direttiva. Questo assordante silenzio è indegno di un documento provenientedalla Sede di Pietro. Crediamo che questa sia, fra tutte, la caratteristica più scandalosa dellatiepida risposta della PAV a queste linee guida.

4. In un altro passaggio, la PAV loda eccessivamente un altro aspetto della Legge 194 chesi dice sia stato troppo trascurato: “Parliamo dell’impegno [della Legge] a dare davvero alladonna, e alla coppia, tutto il sostegno possibile prevenire l’aborto, superando quellecondizioni di disagio, anche economico, che possono rendere l’interruzione dellagravidanza un evento più subito che scelto in quanto esito di circostanze avverse nelle qualidiventa difficile o addirittura insostenibile l’idea di avere un figlio.”

Questo sofisma scusa l’aborto deliberato come qualcosa che semplicemente accadrebbe auna donna, piuttosto che qualcosa che essa sceglie di fare, ogni volta che ci sono”difficoltà” o “circostanze avverse” di qualche tipo nell’avere il nuovo figlio. In effetti,quante volte una donna abortirebbe un bambino, se la sua gravidanza non comportassequalche “difficoltà” o “circostanza avversa”? Criteri così ampi, indulgenti e mal definitipotrebbero essere usati per giustificare quasi ogni decisione della vita reale di abortire.

Non sembra esserci molta differenza tra l’atteggiamento espresso nella nota PAV el’atteggiamento di compromesso che molti politici e purtroppo anche molti ecclesiasticihanno già portato avanti da decenni. A differenza di quei radicali che ora arrivano al puntodi esortare le donne a “gridare il tuo aborto”, questi “moderati” ammettono blandamenteche porre fine a una vita non nata è sempre qualcosa di poco felice, che la società nondovrebbe incoraggiare. Ma ci dicono che dovremmo cercare di ridurre l’incidenzadell’aborto solo lavorando per eliminare le sue “cause profonde” – che identificano comepovertà, cattiva salute, supporto inadeguato durante la gravidanza, consulenza insufficientee così via – piuttosto che proibirlo per legge .

Oltre a non presentare una solida difesa del nascituro, un tale approccio dimentica ancheche la riduzione del numero di aborti non è l’unico scopo di una legislazione in favore dellavita. La condanna penale degli abortisti ridurrà effettivamente l’incidenza di quel crimine.Ma a parte questo, le leggi esistono anche per inviare un messaggio etico. La società deveproclamare i suoi valori morali fondamentali chiarendo che ci sono alcuni reati contro lagiustizia e la dignità umana che una civiltà umana non solo non deve incoraggiare, maneppure tollerare. E una tale “tolleranza zero” può essere dimostrata solo penalizzando talireati. In effetti, questo principio generale, applicato a molte altre forme di comportamento, sarebbe prontamente ammesso anche dai più fedeli sostenitori dell’aborto legalizzato.Quanti di loro, ad esempio, vediamo fare campagne per l’abrogazione delle leggi chepenalizzano la discriminazione razziale sul lavoro, l’alloggio, ecc.? Forse che insistonosulla proposta di opporsi al razzismo solo “cambiando i cuori e le menti” attraverso il buonesempio e una migliore istruzione?

Si può certamente accettare che oggi una ragazzina, se vittima di pressioni da parte dimedici, psicologi o anche del suo ragazzo, nell’abortire suo figlio all’insaputa dei suoigenitori, potrebbe avere una responsabilità molto ridotta in questo reato. Ma una donnaadulta è normalmente responsabile di ciò che fa e non è mai innocente se acconsente auccidere il proprio bambino. Si deve ricordare qui il vecchio adagio, “piuttosto morire chepeccare”. Ridurre al minimo o addirittura negare la responsabilità personale della donna e/odella coppia significa in effetti scoraggiare queste sventurate persone dall’aprirsi a unaconversione autentica e veramente necessaria. Mentre le blande parole della PAV possonoa prima vista sembrare lodevolmente misericordiose, un migliore discernimento rivela cheesse sono solo una maschera per trascurare gravemente il valore e la dignità della vitaumana sin dal suo inizio. Gli autori dimenticano che gli esseri umani possono, con la graziadi Dio, usare la loro volontà per superare immense difficoltà, come è stato mostrato adAuschwitz da Maximilian Kolbe, lo stesso santo la cui festa è stata celebrata il 14 agosto,data del documento della PAV.

5. Infine, diverse espressioni usate dalla PAV sono inadeguate per una PontificiaAccademia, poiché adottano gli stessi eufemismi ed espressioni evasive con cui il mondovuole mascherare il grave crimine dell’aborto. Tali sono, ad esempio:

a. L’uso ripetuto dell’espressione “interruzione della gravidanza” invece di “aborto”.

b. L’aborto causato da abortivi chimici è descritto dalla PAV come “un atto di granderilevanza emotiva, sociale e morale”, senza menzionare che si tratta dell’uccisione di unbambino innocente, un orribile omicidio. In un altro passo l’aborto viene definito “un attoche lascia segni profondi nella sua biografia” [di una donna]. Ma la grave immoralità di unsimile atto non viene neppure menzionata.

c. La PAV sostiene che come società ora dobbiamo affrontare un “compito comune” – uncompito, cioè, in cui sia coloro che sostengono l’aborto sia coloro che difendono la vitasarebbero chiamati a collaborare nella “difesa sia della vita concepita […] che dellafamiglia”, quindi, si spera, contribuendo a prevenire l’inizio di un “inverno demografico”derivante dal crollo dei tassi di natalità. Ma questa aspirazione è totalmente irrealistica.Poiché è diventato chiaro negli ultimi decenni che non esiste un terreno comune rilevantetra coloro, da un lato, che riconoscono la dignità di tutte le vite umane e riconoscono ogniessere umano come persona dal momento del vero concepimento fino alla vera morte, e,d’altra parte, coloro che vogliono che la volontà umana dei privilegiati e dei potenti decidaquali esseri umani sono qualificati per essere considerati persone dotate di dignità e dirittoalla vita.

6. In conclusione, vale la pena ricordare il carattere tragicamente illusorio della grandevisione esposta da Jacques Maritain nella sua opera fondamentale degli anni Trenta:Umanesimo integrale. Questo libro impressionò molto il futuro Papa Paolo VI, e cosìcontribuì in modo significativo al solare ottimismo del cattolicesimo degli anni ’60 chetrovò espressione in alcuni documenti chiave del Concilio Vaticano II. Maritain prevedevala sostituzione di quella che chiamava la vecchia “cristianità sacrale” con una nuova”cristianità secolare” in cui cristiani e non credenti avrebbero collaborato in uno spirito didialogo fraterno e reciprocamente rispettoso per costruire una civiltà basata sui valoriumani perenni che egli pensava potessero essere condivisi come terreno comune da tutti gli“uomini di buona volontà”. Questa sembra essere la prospettiva filosofica che ancora oggimotiva la PAV. Ma la crescente corruzione della cultura occidentale nell’ultimo mezzosecolo ha dimostrato che questa rosea visione ha purtroppo fortemente sottovalutato ilpotere del peccato originale e le profondità della malizia del “Principe di questo mondo”.Sia Maritain che i Padri Conciliari scrivevano prima che l’aborto o l’eutanasia fosserolegalizzati in quasi tutte le nazioni occidentali, e avrebbero reagito con sbalorditaincredulità alla notizia che entro pochi decenni le società tradizionalmente cristianedell’Europa e del Nord America non solo avrebbero elevato la sodomia alla dignità del“matrimonio” nelle loro leggi e avrebbero persino cercato di cancellare la distinzioneprimordiale tra maschio e femmina, ma avrebbero imposto sanzioni sociali e legali semprepiù severe a chiunque osi sfidare o addirittura mettere in discussione questi atti di ribellionecontro l’Autore della natura.

È oggi più evidente che mai che non può esistere un terreno comune stabile capace di unirein una “civiltà condivisa” la Città di Dio e la Città Terrena. Preghiamo perché la PAVdesista dal tentativo illusorio di placare la prevalente cultura della morte omettendo ogniriferimento, nei documenti che trattano dell’aborto legalizzato, alla grave peccaminosità diquesta offesa contro la sacralità della vita umana, e che invece presti maggiore attenzionealle parole dell’Apostolo: “Non conformarti a questo secolo, ma lasciati trasformare dalrinnovamento della tua mente, affinché tu possa discernere qual è la volontà di Dio”(Romani 12: 2).

28 agosto 2020

Festa di Sant’Agostino

vescovo e dottore della Chiesa

 

Fr. Brian Harrison, OS, MA, STDAssociate Professor of Theology (retired)Pontifical Catholic University of Puerto RicoCarlos

A. CasanovaMember of the Advisory Board of the John Paul II Academy for Human Life and the Family

Alessandro SanmarchiMember of the John Paul II Academy for Human Life and the Family

Paul ByrneMember of the Advisory Board of the John Paul II Academy for Human Life and the Family

Christine VollmerVice-President of the John Paul II Academy for Human Life and the Family

Josef SeifertPresident Emeritus of the John Paul II Academy for Human Life and the FamilyMember of the John Paul II Academy for Human Life and the Family

Claudio PierantoniMember of the Advisory Board of the John Paul II Academy for Human Life and the Family

Thomas ZabiegaMember of the John Paul II Academy for Human Life and the Family

Judie BrownMember of the Advisory Board of the John Paul II Academy for Human Life and the FamilyPresident, American Life League Inc

Pedro Luis Llera VásquezProfessor and Director of Catholic School

Michel HichbornPresident of the Lepanto Institute

Georges BuscemiPresident of the Quebec Life Coalition

Richard FitzgibbonsM.D.

Richard Stith J.D.(Yale), Ph.D.(Yale)Senior Research Professor of Law (Valparaiso University)

Jeanne SmitsParis Correspondent of LifeSiteNews

Hugh OwenDirector of the Kolbe Center for the Study of CreationMember of the John Paul II Academy for Human Life and the Family

Dina NerozziSpecialist in Child Psychiatry and EndocrinologyJohn RistEmeritus Professor of Classics and Philosophy, University of Toronto

John BruchalskiMD FACOG

Paolo PasqualucciRetired Professor of Philosophy of the Law,University of Perugia,

James Bogle EsqTD MA Dip Law ACIArb, barrister (trial attorney), former President of InternationalUna VoceFederation

Paul Herzog von OldenburgPro-life and pro-family activist

José Antonio UretaJournalist

Il teologo morale definisce “vago” il testo della Pontificia Accademia sul Covid 19

Moral Theologian Criticizes ‘Vague’ Pontifical Academy COVID-19 Document
Father George Woodall highlighted several aspects of the document, including what he called its ‘rambling’ text and ‘vague, superficial and generic’ moral principles.

VATICAN CITY — A former director of the secretariat of the Pontifical Academy for Life has criticized a document the academy issued on the coronavirus last month, saying that although some of its considerations were important, he wondered why it was published and what it was supposed to achieve.

Father George Woodall told the Register the moral principles highlighted in the document Humana Communitas in the age of pandemic: untimely meditations on life’s rebirth published on July 22 were “vague, superficial and generic” and that the text was “rambling, excessively long and verbose.”

A number of commentators have also criticized the document, describing it as “embarrassing” and more closely resembling a work of sociology than anything distinctly Christian.

Father Woodall, a moral theologian who teaches at the Pontifical Athenaeum Regina Apostolorum, welcomed some aspects of the document, namely “the nature of the virus, the need for focused, careful research to find a suitable vaccine” and the call for greater justice, including equitable allocation of medical resources.

But he said he would have preferred the lengthy reflection to have shared scientific developments since the academy’s last reflection on COVID-19 was issued in March, a brief comparison with earlier pandemics, and an “objective statement on the proper role” of government and health authorities, including a “careful examination of the application of subsidiarity and of solidarity” and the limits of the state in such times.

Father Woodall said he also would have liked to have seen a “clearly Christian perspective” in the document.

In its 4,000-word reflection, the Pontifical Academy for Life drew attention to the “hard reality of lessons learned” from the crisis including that COVID-19 has highlighted how fragile man is, and that its cause “has much to do with our depredation of the earth and the despoiling of its intrinsic value.”

The academy also blamed the pandemic on other causes, such as “financial greed, the self-indulgence of life styles defined by consumption indulgence and excess.” The pandemic, it said, is a call to “reconsider our relation to the natural habitat, to recognize that we dwell on this earth as stewards, not as masters and lords.”

The document argued that poor countries in the global south face a greater predicament than the richer north, unable to “afford the requirements of safety.” Although rich and poor are vulnerable to the virus, it said the latter are “bound to pay the highest price and to bear the long-term consequences of lack of cooperation.”

It went on to call for solidarity with especially the elderly and those most at risk, the need for “moral conversion,” to become “mindful, once more, of the goodness of life that offers itself to us.” A pandemic, it added, “urges all of us to address and reshape structural dimensions of our global community that are oppressive and unjust, those that a faith understanding refers to as ‘structures of sin.’”

The document then argued further for “global efforts and international cooperation,” saying a “privileged place belongs to the World Health Organization” and that “narrow mindedness and national self-interests” had led to policies of “independence and isolation from the rest of the world, as if the pandemic could be faced without a coordinated global strategy” — comments no doubt directed at the Trump administration, which has formally withdrawn from its relationship with the WHO.

The document ended with a call for ethics centered on the principle of solidarity and an “attitude of hope” that resists two opposing temptations: passive resignation and nostalgia for the past. “Instead, it is time to imagine and implement a project of human coexistence that allows a better future for each and every one,” the document concluded, and it recalled the “dream recently envisaged for the Amazon region” which, it said, “might become a universal dream” for the whole planet.

Father Woodall’s criticisms follow others, notably Philip Lawler of Catholic Culture and professor Stefano Fontana, director of the Cardinal Van Thuan Observatory on the Social Doctrine of the Church, who both noted that the document fails to mention God, Jesus Christ, the Holy Spirit, the Church, the sacraments, prayer or even charity. The document, Fontana wrote, appeared to be written by an “anonymous institute of sociological studies.”

The academy’s spokesman Fabrizio Mastrofini, responded to the criticism, saying in a statement that the academy was doing the work of “constant discernment” of the “faith, the Gospel, the passion for humanity” within the context of the “events of our time.”

He added that the two documents written on the pandemic need to be read together with Pope Francis’ letter to the academy in 2019 entitled Humana Communitaswhich, he said, “illustrate the challenges to life in today’s context.”

Mastrofini said he did not know whether an “accounting” of how many times key words were used in the text was “useful” but rather it is important “to enter into human situations, reading them in the light of faith, and in a way that speaks to the widest possible audience, to believers and non-believers, to all men and women ‘of good will.’”

Led by Archbishop Vincenzo Paglia since 2016, the Pontifical Academy for Life has received other criticisms in recent years for departing from its remit given by John Paul II to defend and promote the Church’s consistent life ethic. Since taking the helm, Archbishop Paglia has replaced many long-serving members, and in new statutes issued in 2017, removed a requirement for new members to sign a statement promising to defend life in conformity with the Church’s magisterium. He also appointed some controversial new members of the academy, including a supporter of abortion up to 18 weeks.

 

*   *   *   *   *   *   *

Brief Reflections on the Pontifical Academy for Life document Humana Communitas in the age of pandemic: untimely meditations on life’s rebirth by Father George Woodall, professor of moral theology and bioethics at Rome’s Regina Apostolorum university and a former director of the secretariat of the Pontifical Academy for Life.

The point made by the Press Office of the Academy that it is to be read in the light of the earlier documents mentioned can be accepted, but that does not answer the question as to why this further document was issued or what in particular it was supposed to achieve.

The criticism that it does not mention Jesus, faith, religion, etc., might have been answered by saying that it is necessary to use a natural moral law in the sense of offering rational considerations which might be accessible also to those not belonging to the Christian community. The text makes no express reference to natural law, but it might be thought that the considerations offered fall broadly into that category. Apart from references to Ps. 8, to Laudato Si’, to moral conversion, there is very little in it that would suggest that it had either a Christian origin or a Christian perspective. Indeed, the sentence “Too late do we learn consent to the darkness from which we came, and to which we finally return” seems impossible to reconcile with the resurrection and with Christian hope. Someone reading the document without knowing that it had been produced by the Pontifical Academy for Life could be forgiven for thinking that it was the product of some politically motivated group of ecologists.

Many of the ‘moral principles’ noted are vague, superficial and generic. The text is rambling, excessively long and verbose; the language and style used in it are flowery and would be largely inaccessible to many readers even in the Global North.

Some of the considerations raised are important: the nature of the virus, the need for focused, careful research to find a suitable vaccine, the more requirement of justice, including that of the common good, demanding that this be made accessible to all those who may need it, the question of the existence or otherwise of adequate medical resources to confront the crisis provoked by the pandemic and that of the  allocation of resources, the inter-relationship between the principles of subsidiarity and of solidarity.

From the Pontifical Academy for Life a text with substance and yet succinct would have been preferable, one which presented more carefully:

  1. What scientific data have become available since the last document as to the origin, the nature, the variants or mutations of the virus, would have been welcome. Highly qualified scientific members from across the world could have been asked for up-dated data and qualified assessments.
  2. A brief comparison of current knowledge about the virus with that known of earlier pandemics (the plague, smallpox, cholera, the Spanish flu) and a brief up-date on what is known so far of factors fostering the spread of the virus and those restraining it (again from expert members and qualified sources).
  3. An objective statement of the proper role of government, especially of public health authorities in the case of a current or an imminent threat to public health (including legitimate restrictions to democratic procedure through a clear distinction between ius and usus iuris, the need for clear, precise and justifiable police and judicial regulations to be established by government through transparent procedures, how they are to be followed and enforced), which must include the effective control of frontiers (since travel, whether business, leisure or migratory is objectively a risk factor of importance in given countries at specific times). Here a careful examination of the application of subsidiarity and of solidarity, of the authority of the State and of its limits even in such times, would have been helpful. In this context, for example, the following could have been analysed, mostly to show how they could help to contain and overcome this and other possible pandemics: the curtailing of public health services in many countries over recent decades, the closure of isolation hospitals, the lack of barrier-nursing techniques; circumstances which would justify and demand strict quarantine (isolation in medical facilities), precautionary quarantine for contacts of those tested positive or at high risk through a specific instance; the need to prevent access to very vulnerable groups (which, whom, why, in what way, for how long?), including those in hospital for other reasons, those needing to see a doctor, those in residential and or care homes, the care of medical staff themselves.
  4. A clearly Christian perspective on all of this. It is lamentable that the Academy did not use here the keystones of Evangelium vitae in the twenty-fifth jubilee year of that stupendous encyclical on the Gospel of life: the meaning of life, suffering, death, eternal life, as well as the service of the good of health, and of the proper but limited role of public authorities in its regard. Even if other documents have been issued, still this encyclical, long, but full of sound content, solid moral argumentation and Christian hope, would have provided what is missing from this text.

G.J. Woodall

31st July, 2020

www.ncregister.com

© Vanthuan.


Privacy Policy