Dalla Russia con amore Piccola storia della pandemia, 3a puntata.

lazzaretti 3

Aggancio con la puntata precedente

Abbiamo visto nella seconda puntata che il procedere dell’epidemia si è inserito all’interno di una trappola fondata su 4 pilastri.

Il covid è incurabile.

  • Perché ai medici di famiglia è stata di fatto vietata ogni cura.

Il covid è misterioso.

  • Perché la mancanza di sale BSL3 rende di fatto impossibili le autopsie.

Il covid necessita del vaccino.

  • Perché così dicono a “voce unificata” virologi & c. in TV.

Il covid necessita di “tachipirina e vigile attesa” a casa; di “supporto respiratorio e attesa” in ospedale.

  • Perché ogni cercatore di verità che dice cose diverse è in silenzio stampa, e comunque nessun conduttore lo chiamerà mai in TV (a parte Mario Giordano, dopo molti mesi).

Senza chiederci chi ha costruito la trappola, sappiamo comunque che esiste una trappola: sull’epidemia covid è stata costruita una “ignoranza strutturale” dalla quale è impossibile sfuggire, se si resta agganciati alla TV e agli “editori responsabili”.

I 4 pilastri della trappola trovano un violentissimo supporto mediatico nell’immagine dei camion militari che, di notte, a bassa velocità, e rumorosamente, portano via le bare a Bergamo.

Un problema di logistica funeraria trasformata in un’immagine da film, come ho tentato di spiegare nella puntata precedente.

 

L’anagrafe della Protezione Civile

La trappola aveva però bisogno di un ulteriore elemento: i numeri. E i numeri vengono forniti da uno strumento che appare impostato come fonte di conoscenza, ma che diventerà nel tempo la principale fonte di distorsione della realtà: l’anagrafe covid dell’ISS su ordinanza della Protezione Civile (ricordiamo che è la Protezione Civile la “titolare” dello Stato di Emergenza).

L’Ordinanza del Capo della Protezione Civile del 27 febbraio 2020 assegnava la sorveglianza epidemiologica all’ISS (Istituto Superiore di Sanità)

Articolo 1 (Sorveglianza epidemiologica)

  1. La sorveglianza epidemiologica del SARS-CoV-2 è affidata all’Istituto superiore di sanità.
  2. Ai fini della sorveglianza epidemiologica, l’Istituto superiore di sanità predispone e gestisce una specifica piattaforma dati, che le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sono tenute ad alimentare.
  3. È fatto obbligo alle Regioni e alle Province autonome di Trento e Bolzano di alimentare quotidianamente la piattaforma dati di cui al comma 2, caricando entro le ore 11.00 di ogni giorno i dati relativi al giorno precedente.
  4. L’Istituto superiore di sanità è autorizzato ad individuare risorse di personale aggiuntivo al fine di condurre, ove necessario, eventuali ulteriori indagini epidemiologiche mirate all’identificazione della catena di trasmissione.

Quella che viene istituita nel febbraio 2020 è quindi una piattaforma di raccolta dati, non ha niente a che vedere con una validazione dei dati da un punto di vista medico.

Si crea così il concetto di “caso covid”.

Che cos’è un “caso covid”?

Di fatto è un codice fiscale = tessera sanitaria che viene trovato positivo a un tampone.

Il numero di casi attualmente in essere è dato dalla somma di 3 colonne:

  • pazienti in intensiva
  • pazienti in corsia
  • persone in isolamento domiciliare.

Il totale dei casi dall’inizio dell’epidemia è dato dalla somma di:

  • casi attuali
  • guariti

I nuovi casi del giorno risultano quindi essere la somma di:

  • guariti del giorno
  • morti del giorno
  • incremento (o decremento) di positivi del giorno.

Quindi, se sei positivo, hai solo due maniere per uscire dall’anagrafica della Protezione Civile / ISS:

  • o ti negativizzi
  • o muori.

Sono previsti esplicitamente anche i tamponi “post mortem”.

Il caso estremo di un annegato al quale venne fatto un tampone dopo morte non aveva niente di estremo:

  • hanno scelto di fare il tampone al morto
  • l’uomo è entrato nell’anagrafe covid
  • l’uomo esce dall’anagrafe covid in qualità di morto.

Conta qualcosa per la conoscenza sull’epidemia?

No, serve solo ad avere un caso in più da proporre all’attenzione dei telespettatori.

E l’attenzione dei telespettatori si concentra sul rituale quotidiano di Borrelli o chi per lui che snocciola i numeri dei casi, dei morti, degli ospedalizzati, delle intensive.

Rituale quotidiano dove si dà per scontato che i numeri sono tutto ciò che c’è da dire, visto che il covid è “incurabile”.

 

Tutto si fonda sul tampone

E’ ovvio quindi che tutto l’impianto dell’anagrafe covid si basa sulla presenza dei tamponi.

Nella prima fase, che fisso convenzionalmente dal 21 febbraio 2020 al 2 giugno 2020, giorno delle riaperture dello scorso anno, la disponibilità di tamponi era tendenzialmente scarsa, e quindi dovevano “giocarseli” sui casi già conclamati dai sintomi.

Essendo questa una “piccola storia” non dovrei anticipare cose che accadono “dopo”, ma qui è necessario per captare subito, dal confronto, l’evolversi di una strategia.

Strategia di chi? Non lo sappiamo e non vogliamo saperlo (per ora). Ma, come è certo che c’è una “trappola”, così è certo che c’è una “strategia”.

 

Nella prima fase (21.02.2020-02.06.2020) che stiamo esaminando adesso

  • i tamponi sono pochi
  • di conseguenza i casi sono pochi
  • di conseguenza i guariti sono pochi
  • l’unica cosa che conta sono i morti e le intensive, che seguono, più o meno, lo stesso andamento.

 

Cosa è realmente un tampone

Noi abbiamo l’idea del tampone come una sorta di interruttore che può dare solo due risposte: positivo o negativo.

E, per chi riceve il referto, è realmente così: non ci sono “distinguo” di nessun genere, o sei positivo ed entri nell’anagrafe covid, o sei negativo e non entri (oppure, se eri già dentro, esci come “guarito”).

In realtà la tecnica legata al tampone non è assolutamente quella di un interruttore.

Il tampone (parlo del tampone MOLECOLARE, da non confondersi col tampone rapido) funziona sulla tecnica PCR.

La reazione a catena della polimerasi (in inglese: Polymerase Chain Reaction), comunemente nota con la sigla PCR, è una tecnica di biologia molecolare che consente la moltiplicazione (amplificazione) di frammenti di acidi nucleici dei quali si conoscono le sequenze nucleotidiche iniziali e terminali. L’amplificazione mediante PCR consente di ottenere in vitro molto rapidamente la quantità di materiale genetico necessaria per le successive applicazioni.

Questa moltiplicazione/amplificazione viene fatta “un certo numero di volte”.

Il ciclo descritto viene ripetuto generalmente per circa 30-40 volte. In genere non si superano i 50 cicli in quanto ad un certo punto la quota di DNA ottenuto raggiunge un plateau. Ciò avviene, ad esempio, per carenza degli oligonucleotidi usati come inneschi o per diminuzione dei dNTP. Bisogna inoltre considerare che si potrebbe amplificare in maniera eccessiva anche eventuale materiale genomico contaminante.

Il tampone NON è uno strumento diagnostico.

Il materiale genetico amplificato andava successivamente messo in coltura, per vedere se si trattava realmente del virus attivo, o di sequenze genetiche di virus morto, o di spazzatura. Era quindi uno strumento per la ricerca.

Serviva al ricercatore per scartare il materiale inutile, non per validare il materiale buono.

Il materiale ipoteticamente buono veniva validato dalla messa in coltura.

 

Nel momento in cui viene trasformato in uno strumento diagnostico di massa, il passaggio successivo della “messa in coltura” è ovviamente impensabile, per i tempi e per i costi.

Quindi ci si accontenta di “far credere” che il tampone molecolare sia uno strumento diagnostico.

Più tamponi, più “casi”.

Più cicli di amplificazione, più “casi”.

Ma tutto questo riguarderà le fasi successive.

Nella prima fase dell’epidemia la strategia prevede un obiettivo più limitato: è sufficiente che l’opinione pubblica venga guidata a credere al tampone come interruttore positivo/negativo.

E quindi a “bramare” la disponibilità di tamponi, come in seguito si “brameranno” i vaccini.

Racconto una scenetta recentissima.

Il medico di un ospedale non lontano da casa mia telefona alla maestra, in qualità di papà: l’hanno trovato positivo, e anche il bambino non potrà muoversi di casa.

Invece il giorno dopo il bambino inaspettatamente si presenta a scuola, assieme al papà.

«Mi sembrava strano essere positivo. Sono vaccinato, ero negativo pochi giorni fa. Ho chiesto di vedere la sequenza. “Ah, ma sei positivo solo nella parte finale. Al ciclo 34 eri ancora negativo”. Mi hanno rimandato al lavoro in ospedale, e il bambino è libero».

Da tenere presente.

Se siete tosti e determinati, in caso di positività chiedete di esaminare la sequenza dei cicli PCR.

 

Direi che abbiamo tutto

Arrivati a primavera direi che abbiamo tutto.

  • La trappola.
  • La lugubre immagine da film dei camion di Bergamo.
  • I tamponi come interruttore positivo/negativo.
  • L’anagrafe covid.
  • L’appuntamento con Borrelli come unico “diversivo quotidiano” in un’Italia paralizzata che non può fare letteralmente nulla, se non lavorare (per quei pochi ai quali è consentito).

Il 22 marzo 2020 arrivano i Russi.

 

Dalla Russia con amore

Come si parlano tra loro i servizi segreti?

Certamente non per lettera, né per mail, né per WhatsApp, né per telefono.

Di per sé non avrebbero neppure la necessità di parlarsi, essendo appunto “segreti”.

Eppure si parlano, attraverso film e romanzi.

Raccontano storie, e chi deve capire, capisce.

  • Può essere una storia che racconta ciò che un servizio segreto si appresta a fare.
  • O una storia su ciò che ha già fatto.
  • O una storia per dire “sappiamo cosa voi state per fare”.

Un atto di potenza. Oppure quell’insopprimibile desiderio di dire le cose come stanno (vi è mai capitato di avere un segreto da custodire, e di bruciare dalla voglia di raccontarlo?).

Quando ad esempio venne ucciso Gheddafi, girarono una scenetta hollywoodiana che mostrava “il popolo che uccide il dittatore”; alla fine apparve “il ragazzo dalla pistola d’oro” che aveva dato il colpo di grazia.

Il richiamo a “L’uomo dalla pistola d’oro” mi venne automatico. Un libro e film di 007, dove l’uomo dalla pistola d’oro è Francisco Scaramanga, il miglior killer sul mercato, prezzo a cadavere un milione di dollari.

In sintesi, Gheddafi venne ucciso con operazione di killeraggio, non certo “dal popolo”.

Quando i russi vengono ad aiutarci con un’operazione medica denominata “Dalla Russia con amore”, titolo di un film di 007, hanno ironicamente indicato che il covid puzza di spionaggio e che la loro operazione era anche un’operazione di aiuto, ma soprattutto un’operazione di intelligence.

Lo segnalavo nel Taglio Laser del 15 maggio 2020, per chi li conserva.

Nessuno si mette a fare giochetti di parole nel bel mezzo di una tragedia, a meno che il gioco di parole non serva per comunicare qualcosa.

Arriva in Italia il generale Sergej Kikot, vice comandante del reparto di difesa chimica, radiologica, biologica dell’esercito russo, con un centinaio di medici (militari) e tecnici (militari).

Vengono per aiutare (roba seria di alto livello), vengono per propaganda (aiuto dalla Russia, non dall’occidente), e vengono per studiare (è intelligence, vengono a vedere il virus nuovo in una zona in cui il materiale abbonda).

L’operazione si chiude il 7 maggio 2020.

Più di un anno dopo, il 17 giugno 2021 il quotidiano Repubblica si sveglia e si accorge che doveva essere un’operazione di intelligence.

Secondo le fonti di intelligence citati dal quotidiano romano, il ruolo dei medici russi è stato decisivo nel debellare con fatica l’avanzata del Covid.

Ma il sospetto sollevato nell’inchiesta è che la missione sia servita più ai russi che ai medici bergamaschi, perché avrebbe messo le basi per arrivare al vaccino a «vettore virale» Sputnik-V, che secondo l’autorevole rivista medica The Lancet, si sarebbe rivelato efficace al 91,6% contro le forme sintomatiche di Covid-19, quindi tra i vaccini più performanti ma che ancora Ema tiene sotto osservazione.

Quindi, con la scusa di aiutare l’Italia, i medici russi che di giorno aiutavano i nostri medici in corsia, di notte lavoravano a un vaccino made in Russia «in cinque furgoni, inaccessibili agli italiani, parcheggiati nell’aeroporto di Orio al Serio».

Non capisco perché Repubblica si scandalizzi tanto.

Se la TV ci dice a ogni ora di giorno e di notte che “solo il vaccino ci salverà”, che male c’è se i russi vengono in Italia a creare un vaccino?

Che fossero poi d’accordo con Conte, oppure abbiano approfittato di un capo di governo “leggerino” come Conte, è una questione secondaria.

 

Il Papa in piazza San Pietro vuota

Lascio perdere in questa piccola storia la faccenda della chiusura delle Messe da inizio marzo 2020 a metà maggio 2020: arrivati al 2021, quella chiusura suona proprio ridicola. Addirittura patetica per le Messe feriali.

La storia ha provveduto a dimostrare che non c’è ambiente più regolarmente organizzato, distanziato, mascherato, disinfettato, di una chiesa cattolica.

La gente ammassata la potete trovare a festeggiare la Nazionale italiana, oppure nella conferenza in una sala comunale, mai nell’ordinata comunità domenicale delle chiese. Mai, ovviamente, nelle Messe feriali.

L’evento che mi interessa è la preghiera del Papa contro l’epidemia, 27 marzo 2020.

Papa Francesco utilizza tutti gli elementi della Chiesa Cattolica.

  • Il Papa
  • Gesù medico, con il Crocifisso miracoloso di San Marcello al Corso
  • Maria salus infirmorum, con la Madonna Salus Populi Romani di Santa Maria Maggiore
  • L’Adorazione del Cristo Vivo
  • L’Indulgenza Plenaria per i partecipanti, attraverso i mezzi di comunicazione.

In lontananza, durante la celebrazione, si vedeva anche la statua dell’Arcangelo Michele su Castel Sant’Angelo,

Durante una pestilenza, che afflisse Roma nel primo anno di pontificato di san Gregorio Magno (590-604), l’arcangelo san Michele sarebbe apparso sulla cima del castello per annunciare la fine del morbo. La folla che seguiva una processione papale (durante la quale si cantavano incessantemente le litanie dei santi, dando origine al costume delle rogazioni, dal verbo latino rogo, «chiedo per ottenere») lo avrebbe infatti visto rinfoderare la spada, segno che la calamità era cessata.

Non possiamo dire che sia avvenuto “per quella preghiera”, ma certamente è avvenuto “in coincidenza di quella preghiera”: i morti arrivano il 27 marzo 2020 al numero di 969, poi cominciano a calare.

7 giorni dopo scollina anche l’intensiva: si arriva al culmine di 4.068 ammalati in intensiva (29.010 in corsia), poi i numeri calano in permanenza.

E calano con la percezione netta, da parte dei medici e di tutti, che non risaliranno più: il virus non è sparito, ma è “clinicamente morto”.

Il 2 giugno 2020, punto simbolico di conclusione della prima fase, i morti sono 55, in intensiva 408, in corsia 5.916 persone.

 

Riepilogo della prima fase

Metà febbraio: invasione di Virologi & C. in TV, un “cast” permanente che ci accompagna da 17 mesi.

20 febbraio 2020. Appare il “paziente 1 mediatico”. In realtà il virus circola in Italia da 4 mesi circa.

22 febbraio 2020. La circolare ministeriale taglia i ponti tra i medici di famiglia e gli ammalati. Gli ospedali vengono messi in “silenzio stampa”.

23 febbraio 2020. Annuncio della chiusura delle scuole in alcune regioni.

Inizio marzo. Divieto di fatto delle autopsie (sono consentite in sale BSL3 pressoché inesistenti); protocollo per le aziende funebri; inizio dell’appuntamento televisivo quotidiano sui morti.

11 marzo 2020. Siamo in lockdown nazionale.

12 marzo 2020. Siamo a 1000 morti. Non certo per colpa del “paziente 1” di Codogno.

18 marzo 2020. Sfilata mediatica dei camion militari a Bergamo.

22 marzo 2020. Inizio dell’operazione “Dalla Russia con amore”.

27 marzo 2020. Celebrazione di Papa Francesco. Scollinamento del numero di morti.

3 aprile 2020. Scollinamento delle intensive e degli ospedalizzati.

7 maggio 2020. Si conclude “Dalla Russia con amore”.

18 maggio 2020. Si ritorna a Messa.

22 maggio 2020. The Lancet pubblica un articolo che recita sinteticamente “Con clorochina aumento mortalità e nessun beneficio”.

25 maggio 2020. L’OMS annuncia la decisione di sospendere i test sull’uso della idrossiclorochina per il trattamento del covid.

2 giugno 2020. Fine convenzionale della prima fase (riaperture)

 

Le due notizie del 22 e 25 maggio le metto in calendario anche se non ne ho parlato.

Ne parleremo per esteso la prossima volta, a Dio piacendo.

Adesso che la prima fase è conclusa, coi morti quasi azzerati e gli ospedali scarichi, la prima fase può essere analizzata con calma, e si possono definire le misure adatte per la inevitabile recrudescenza autunnale.

Oppure no?

 

Giovanni Lazzaretti

giovanni.maria.lazzaretti@gmail.com

 

PUNTATE PRECEDENTI:

PUTATA 1 QUI

PUNTATA 2 QUI