Il cardinale Burke lancia la “scomunica” per Biden per la sua promozione “aggressiva” dell’aborto. Di Sabino Paciolla

burke

Il cardinale statunitense Raymond Burke ha detto che i cattolici pro-aborto nella vita pubblica come il presidente Joe Biden, che “ostinatamente e pubblicamente” negano le verità della fede e agiscono contro di esse, non solo deve essere negata loro la Santa Comunione ma devono ora affrontare l’accusa del “crimine di apostasia” dove la “pena canonica” per i colpevoli è la “scomunica”.

Un articolo di Pete Baklinski, pubblicato su Lifesitenews, nella mia traduzione.

 

Il cardinale statunitense Raymond Burke ha detto che i cattolici pro-aborto nella vita pubblica come il presidente Joe Biden, che “ostinatamente e pubblicamente” negano le verità della fede e agiscono contro di esse, non solo deve essere negata loro la Santa Comunione ma devono ora affrontare l’accusa del “crimine di apostasia” dove la “pena canonica” per i colpevoli è la “scomunica”.

“Una tale persona che afferma di essere cattolica e tuttavia promuove in modo così aperto, ostinato e aggressivo un crimine come l’aborto procurato è nello stato, come minimo, di apostasia”, ha detto il cardinale in un’intervista questa settimana con Thomas McKenna dell’Azione Cattolica per la Fede e la Famiglia.

“In altre parole, fare questo è allontanarsi da Cristo e allontanarsi dalla fede cattolica. E così la seconda azione, che deve essere considerata, è una pena canonica, una sanzione, per il crimine di apostasia, che sarebbe la scomunica”, ha aggiunto il cardinale.

Il cardinale Burke, uno dei più importanti avvocati canonici del mondo, già prefetto della più alta corte della Chiesa, ha fatto questo commento mentre rispondeva alla domanda di McKenna su “cosa si può fare ora… qual è il prossimo passo” che la leadership cattolica deve fare in risposta al presidente Biden che si professa un cattolico praticante che prende sul serio la sua fede, mentre firma ordini esecutivi che promuovono direttamente l’aborto.

Biden si è identificato come un cattolico devoto nonostante stia lavorando per espandere l’aborto, un atto che la Chiesa cattolica condanna come un “male morale” che è “gravemente contrario alla legge morale”. Nelle sue prime due settimane di mandato, Biden si è impegnato a rendere l’aborto disponibile a “tutti”, “rendendo legge” la decisione della Corte Suprema Roe v. Wade del 1973, che ha imposto l’aborto in tutti i 50 stati. Durante quello stesso periodo, ha anche revocato per ordine esecutivo la politica di Città del Messico che blocca i fondi federali dall’andare alle organizzazioni non governative (ONG) che forniscono o promuovono aborti all’estero.

I democratici si sono impegnati a eliminare l’emendamento Hyde, a favore della vita, che proibisce che i fondi federali vadano a pagare gli aborti in programmi come Medicaid. A febbraio, la Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti, controllata dai Democratici, ha approvato una legge di soccorso COVID-19 che, tra le altre cose, userà i soldi dei contribuenti per finanziare gli aborti e l’industria dell’aborto in una serie di programmi federali con la scusa del soccorso per il coronavirus.

La Chiesa cattolica insegna che la scomunica, subita a causa di “alcuni peccati particolarmente gravi”, è la “pena ecclesiastica più grave”.

Essa “impedisce la ricezione dei sacramenti e l’esercizio di alcuni atti ecclesiastici, e per i quali l’assoluzione di conseguenza non può essere concessa, secondo il diritto canonico, se non dal Papa, dal vescovo del luogo o dai sacerdoti da loro autorizzati”, afferma il Catechismo della Chiesa Cattolica. La scomunica ha lo scopo di portare il peccatore al pentimento per i suoi peccati e al ritorno in piena comunione con la Chiesa.

Il cardinale Burke, nella sua intervista di questa settimana, ha iniziato la sua risposta alla domanda di McKenna su cosa può essere fatto notando che ci sono “due cose che dovrebbero essere fatte immediatamente”.

La prima azione è che si deve comunicare a Biden che non può presentarsi alla Santa Comunione mentre difende l’aborto.

“Una persona che ostinatamente e pubblicamente nega le verità della fede e agisce effettivamente contro le verità della fede o della legge morale, non può presentarsi a ricevere la Santa Comunione”, ha detto Burke.

“E, allo stesso tempo, il ministro della Santa Comunione, di solito il sacerdote, non deve dare loro la Santa Comunione, se si presentano. Ora, normalmente parlando, la gente dovrebbe capire che il crimine dell’aborto procurato è una grave violazione contro il primo precetto della legge morale, cioè la salvaguardia e la promozione della vita umana. Ma il sacerdote dovrebbe avvertire una tale persona che non dovrebbe presentarsi per ricevere la Santa Comunione”, ha aggiunto.

Burke ha detto che se una tale persona, dopo aver ricevuto tale avvertimento, si presentasse ancora a ricevere la Comunione, a quella persona “dovrebbe essere negato” il sacramento.

Il cardinale ha detto che ci sono due verità all’opera che devono essere sostenute in questo tipo di situazione che riguardano la realtà dell’Eucaristia e la sua degna ricezione.

“Una [verità] è la santità della Santa Eucaristia. Essa è il corpo e il sangue di nostro Signore Gesù Cristo. E ricevere il corpo di Cristo consapevolmente e volontariamente in stato di peccato è un sacrilegio. È uno dei peggiori peccati. E San Paolo lo disse già nella prima lettera ai Corinzi al capitolo 11, ‘Chi mangia il corpo e il sangue di Cristo senza riconoscerlo, mangia la propria condanna’. E così, per prevenire la commissione di un sacrilegio, dobbiamo insistere che tali persone non si avvicinino a ricevere la Santa Comunione”, ha detto.

“Non è solo per la loro propria salvezza, certamente, ma anche per evitare lo scandalo dato agli altri che vedono qualcuno che sta pubblicamente promuovendo atti gravemente immorali e tuttavia si presenta a ricevere la Santa Comunione. E quindi questa è la prima cosa e non ha niente a che fare con una punizione. E la gente dice: “Stai punendo”. No, ha a che fare con una degna ricezione del sacramento. È semplicemente la disciplina che è necessaria a causa della realtà della Santa Eucaristia”, ha aggiunto.

A questo punto, il cardinale ha sottolineato che la seconda azione che potrebbe essere presa contro Biden è la scomunica.

Il cardinale ha sottolineato che anche coloro che non sono d’accordo con l’insegnamento della Chiesa sull’aborto sanno che è sbagliato per un cattolico affermare di praticare la fede e ricevere la Comunione mentre allo stesso tempo è un promotore pubblico dell’aborto.

“Potrebbero anche non essere d’accordo con l’insegnamento della Chiesa sull’aborto procurato, ma sanno cos’è, e si dicono: ‘Come può la Chiesa che insegna che l’aborto procurato è intrinsecamente cattivo, che non può mai essere giusto, come può la stessa Chiesa dare il Santo Sacramento, la Santa Eucaristia a un pubblico promotore di questo male?”

“Non è solo un peccato contro la fede, che certamente lo è, ma anche contro la ragione”, ha detto.

Burke ha affermato che qualsiasi azione intrapresa contro i cattolici nella vita pubblica che meritano tali sanzioni non è per augurare “danno” a una persona del genere, ma per “augurare il suo bene ultimo”.

“A volte si dice che se la Chiesa nega la Santa Comunione a questi politici, è perché sta facendo del sacramento un’arma politica. Ma non è affatto così. La Chiesa sta salvaguardando le sue realtà più sacre e salvaguardando le anime dei fedeli”, ha detto.

“A mio giudizio, sono questi politici che stanno usando il sacramento per un fine politico, in altre parole, fingendo di essere cattolici devoti e di dare questa impressione per ottenere il sostegno dei cattolici quando, in realtà, non sono affatto cattolici devoti”, ha aggiunto.

Il cardinale Burke si unisce all’arcivescovo Joseph Naumann, capo dell’ufficio Pro-Life dei vescovi statunitensi, nel richiamare Biden a causa del definirsi cattolico mentre promuove pubblicamente l’aborto. Naumann ha dichiarato che i vescovi statunitensi devono “correggere” Biden per il suo “agire in modo contrario” alla fede cattolica.

Il cardinale ha detto che l’arcivescovo Naumann sta “esprimendo una meravigliosa leadership”.

“Speriamo di sentire un intero coro di vescovi che diano lo stesso messaggio ai loro fedeli”.

 

(www.sabinopaciolla.com)